Come funziona i raggi X

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Come funziona i raggi X.

Dalla sua scoperta, Raggi X sono diventati uno strumento fondamentale, non solo per la medicina e la scienza per fare diagnosi più accurate, ma anche nella zona di sicurezza.

Cosa sono i raggi X?

Raggi X, come una forma di radiazioni elettromagnetiche, può presentare un lunghezza d’onda compresa tra 10 e 0,001 nm. La lettera X che le nomina si riferisce al fatto che, al momento della loro scoperta, non si sapeva ancora a quale tipo di radiazione corrispondessero. Sono stati scoperti dal professore di fisica tedesco William Roentgen, nel 1895.

operazione blitz

Il funzionamento dei raggi X è molto simile a quello che accade con i raggi di luce che l’occhio umano distingue, con la differenza che l’energia dei raggi X è molto più potente e ha una lunghezza d’onda più corta dei raggi luminosi.

Per comporre una radiografia, è necessario un dispositivo che fornisca una temperatura molto elevata a un catodo. Ciò consente agli elettroni del catodo di rompersi, quindi dell’anodo e acquisire una velocità molto elevata.

La collisione degli elettroni con gli anodi provoca a Fotone a raggi X. Questo scambio avviene all’interno di un tubo protetto che permette ai raggi di focalizzarsi mentre sfuggono per entrare in contatto con i tessuti del corpo umano. I tessuti molli del corpo umano non assorbono i raggi ad alta energia, quindi li attraversano. Le ossa, che contengono una densità maggiore, assorbono le radiazioni.

I raggi X finiscono per entrare in contatto con un meccanismo simile a quello di un macchina fotografica, che rileva i raggi ed espone la radiazione che è passata attraverso i tessuti molli, rappresentandoli come zone scure; e le aree con maggiore densità, come l’osso, sono esposte come aree bianche. L’immagine finale può essere visualizzata su un computer che integra l’apparecchiatura radiografica, per la successiva stampa.

Articolo correlato  Come funziona un pirometro laser e a cosa serve

Applicazioni a raggi X

Dal momento della loro scoperta, i raggi X hanno avuto diverse applicazioni, soprattutto in medicina, ma anche nella sicurezza e in vari ambiti della scienza.

Come funziona i raggi X

Medicinale

I raggi X sono utilizzati nella specialità di radiologia, per aiutare a fornire diagnosi più accurate. Sono molto utili per rilevare malattie dei tessuti molli come polmonite, ascessi, cancro ai polmoni o edema polmonare, tra gli altri. Inoltre, i raggi X rilevano malattie ossee e sono utili per eseguire procedure come studi di contrasto o angiogrammi.

Scienza

I raggi X sono utili per conoscere il disposizione degli atomi nei cristalli. Un’altra importante applicazione nel campo della scienza è nel astronomia, dove i raggi X compongono satelliti rivelatori che servono a misurare l’energia e il numero di fotoni che l’oggetto o l’elemento dello spazio contiene.

Sicurezza

Sicuramente sappiamo tutti il scanner di pacchetti e bagagli negli aeroporti. Inoltre, i raggi X servono a prevenire gli ictus e aiutano rilasciare certificati di autenticità opere d’arte, pietre preziose e perle.

Rischi di esposizione ai raggi X

La radiazione prodotta dai raggi X rappresenta un rischio considerevole per i tessuti viventi. Una volta che un organismo è sottoposto a radiazioni, più lo fa, più è a rischio.

Uno dei rischi più importanti e significativi dell’esposizione prolungata ai raggi X è quello di avere il cancro. Questo rischio aumenta a seconda dell’entità della dose di radiazioni, del sesso biologico del paziente e dell’età al momento dell’esposizione. Inoltre, vi è il rischio di ustioni cutanee e catarattema questo si sviluppa con un’elevata esposizione ai raggi X. Nel caso di donne, che si sottopongono ai raggi X senza avvisare i tecnici della gravidanza, Può compromettere la formazione del feto.

    Trova ulteriori informazioni in questo video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto