Come funziona un microscopio e a cosa serve

Bene, siamo lieti di vederti qui, nell’articolo troverai: Come funziona un microscopio e a cosa serve.

Il microscopio ha rivoluzionato il mondo scientifico, in particolare nel campo della medicina e della biologia, in quanto ha permesso l’accesso al mondo cellulare e/o molecolare. Serve per osservare cose molto piccole, impercettibili all’occhio umano.

Il primo e più noto microscopio è il Microscopio otticoEst usa gli occhiali per vedere gli oggetti ingranditi.

cos’è un microscopio

è definito da microscopio come strumento per osservare oggetti o organismi molto piccoli (microscopico) che l’occhio umano non può percepire. il microscopio aumentare le dimensioni degli oggetti e fa arrivare un’immagine più grande agli occhi di chi la usa.

A cosa serve un microscopio?

il microscopio Viene utilizzato per osservare, analizzare e studiare particelle molto piccole. (vivo o inerte). Ci sono infinite cose che sono fuori dalla portata dell’occhio umano a causa delle loro minuscole dimensioni, ma metterle sotto la lente di un microscopio apre un intero mondo che può affascinarti e sorprenderti.

Come funziona un microscopio

Per definirlo, dobbiamo vedere il tipi di microscopi (Tutti sono dettagliati poche righe sotto) ma i più comuni e di cui spiegheremo come funzionano sono 2:

  • Microscopio ottico
  • Microscopio Elettronico

Come funziona un microscopio ottico?

il microscopio ottico Funziona tenendo conto delle proprietà che ha la materia di modificare la direzione dei raggi luminosi.. Con la combinazione di speciali lenti che aiutano a far divergere o convergere questi raggi luminosi, si può ottenere un’immagine più grande.

Il microscopio ottico utilizza una serie di lenti, alcune sull’oggetto da osservare e altre situate nell’oculare.

Come funziona un microscopio e a cosa serve
  • 1° – La lente che si trova sull’oggetto produce un’immagine ingrandita del campione.
  • 2° – L’immagine prodotta per prima viene ingrandita dalla lente dell’oculare, generando un’immagine virtuale molto più grande dell’oggetto in questione.
Articolo correlato  Che cos'è una livella e a cosa serve?

Questo tipo di microscopio necessita necessariamente di utilizzo della luce per il suo funzionamento. Pertanto, portano con sé una sorgente luminosa e un condensatore che focalizzano la luce che cade sul campione. Quando la luce attraversa il campione, Le lenti sono responsabili della direzione della luce in modo tale da generare un’immagine. più grande.

Come funziona un microscopio elettronico

Il microscopio elettronico utilizza un raggio di elettroni per modellare l’immagine (invece di un raggio di luce come un microscopio ottico). È formato da a colonna (per emettere gli elettroni), a Telecamera (per isolare l’oggetto da guardare ed essere in grado di misurare correttamente) e a Tenere sotto controllo (per vedere il risultato finale); alcuni aggiungono un sistema di scansione (per salvare le immagini).

– In colonna: Nella parte superiore troveremo il Cannone (ha un filamento di tungsteno, è responsabile dell’emissione del fascio continuo di elettroni), questo fascio passerà attraverso un anodo (polo positivo per dirigere gli elettroni) e infine una lente condensatrice e una bobina deflettrice (per filtrare gli elettroni e ottenere così un’immagine punto-punto).

– Nella fotocamera: Come principale, troveremo il campione (oggetto da osservare) che di solito è ricoperto da un piccolo strato d’oro per massimizzare la precisione. Il fascio di elettroni colpisce il campione, e questo – ciò che chiameremmo riflessione – crea un segnale (reazione degli elettroni quando toccano il campione); Per vedere questo segnale, abbiamo bisogno di un rivelatore di elettroni secondario (cioè un rivelatore che sappia “leggere” detto segnale). Il rilevatore raccoglie informazioni, le amplifica e le modella in modo che possiamo vederle.

– Sul monitor: Abbiamo già l’immagine pronta grazie al rivelatore di elettroni secondari. Ora abbiamo un’immagine definita (ovvero, stiamo osservando il campione al microscopio). Se ci interessa lo teniamo, se non basta lo rimisuramo.

Articolo correlato  Come funziona un convertitore analogico a digitale

parti di un microscopio

  • Oculare: È responsabile dell’ingrandimento dell’immagine formata negli obiettivi. È l’obiettivo che è vicino all’occhio dell’osservatore.
  • Obiettivi: Queste sono le lenti situate sul revolver. Sono responsabili dell’espansione e della formazione di un’immagine virtuale.
  • Diaframma: È una sorta di cancello che regola la quantità di energia luminosa che deve raggiungere il condensatore.
  • Condensatore: Una lente che condensa o mette a fuoco il raggio di luce.
  • Messa a fuoco: È responsabile della direzione del raggio luminoso verso il condensatore.
  • Mescolare: È un dispositivo mobile che può ruotare ed è dove si trovano i diversi obiettivi con ingrandimenti variabili. Consente di allineare gli obiettivi con l’oculare.

tipi di microscopio

i microscopi possono essere ordinare secondo vari criteriqualunque sia il mezzo utilizzato per illuminare l’oggetto, a seconda del numero di lenti, del numero di oculari, della trasmissione della luce e persino della sua portata.

Il modo più comune per illuminare l’oggetto è usare la luce visibile, come avviene con un microscopio ottico, ma vediamo il resto:

microscopio elettronico

In questo tipo di microscopio, il campione o oggetto è illuminato da elettroni e non alla luce visibile. Gli elettroni coprono il campione, che si troverà nella camera a vuoto. Il suo funzionamento prevede la cattura degli elettroni dispersi e la ricreazione dell’immagine del campione.

con questo microscopio si ottengono incrementi molto maggiori rispetto ad altri microscopi. Ha lo svantaggio che non è possibile utilizzare campioni biologici vivi perché devono essere collocati in una camera a vuoto. Ci sono due sottotipi di questo microscopio:

  • scansione elettronica;
  • Elettronica di trasmissione.

microscopio a luce ultravioletta

Quelli illuminare l’oggetto con luce ultravioletta (UV).. La lunghezza d’onda di questo tipo di luce è più corta della luce visibile. Con questo microscopio si ottengono una migliore risoluzione e un migliore contrasto. Potrebbe osservare campioni che sembrano essere trasparenti se visto alla luce visibile. non ha molto a che fare con luce UV.

Articolo correlato  Come funziona un avvitatore ad impatto e a cosa serve

microscopio a luce polarizzata

È un microscopio ottico a cui viene aggiunta una coppia di polarizzatori. La direzione della luce in questo microscopio è precisa ed è molto utile per visualizzare oggetti cristallini, rocce e minerali.

microscopio a fluorescenza

In questo caso, il microscopio utilizza sostanze fluorescenti che generano l’immagine dell’oggetto. Il campione viene illuminato con una lampada allo xeno o ai vapori di mercurio. Per isolare la luce proveniente dall’oggetto, vengono posizionati filtri speciali.

Chi ha inventato il microscopio

Anton Van Leeuwenhoek, commerciante di origine olandese, è noto come il padre della microbiologia. Per il suo tempo c’erano microscopi rudimentali, ma Leeuwenhoek ha realizzato lenti di alta qualità migliorando i microscopi dell’epoca. era lui ha visto per la prima volta globuli rossi e batteri.

Il microscopio stava migliorando sempre di più e perfezionato nel XVIII e XIX secolo. Carl Zeiss era un importante produttore di questa apparecchiatura ottica, la sua azienda ha modernizzato il microscopio incorporando le teorie ottiche del fisico Ernst Abbe.

Non perdetevi il seguente video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto