Come funziona un interruttore differenziale salvavita e a cosa serve

Bene, siamo lieti di vederti qui, nell’articolo troverai: Come funziona un interruttore differenziale salvavita e a cosa serve.

Un problema dell’essere in costante contatto con l’elettricità è la folgorazione dovuta a un malfunzionamento; per quello c’è interruttore differenziale o disgiuntoreun importante elemento di sicurezza nell’elettricità, in quanto interrompe il flusso di corrente e proteggere le persone.

Cos’è un interruttore differenziale

Il interruttore differenziale È un dispositivo elettromeccanico, cioè il suo funzionamento comporta energia elettrica e meccanica, che viene utilizzata come a sistema di protezione automatico in caso di guasto del circuito elettrico, al fine di proteggere le persone.

Questo fa parte di qualsiasi installazione elettrica che hanno contatti con persone, al fine di interrompere immediatamente la corrente quando viene rilevato un guasto o una perdita nel circuito, proteggendo così l’integrità di tutti coloro che possono essere in contatto.

A cosa serve un interruttore differenziale?

Il interruttori differenziali Sono responsabili dell’interruzione della corrente quando una persona viene fulminata, al fine di proteggerla da possibili folgorazioni.

Come li identifichi? Funziona attraverso un segnale energetico e se una persona viene fulminata significa che la persona è “a terra”; Messa a terra significa che devia l’energia elettrica a terra e, poiché l’interruttore riceve meno segnale, interrompe la corrente.

Come funziona un interruttore differenziale?

Capire Come funziona un interruttore differenziale? Per prima cosa devi sapere come funziona un circuito elettrico. Se abbiamo un circuito in cui entra un’intensità di corrente che viaggia attraverso diverse cariche che possono essere gli elementi elettrici della casa, l’intensità della corrente elettrica che esce dal circuito è la stessa che è entrata.

Articolo correlato  Esempi di materiali isolanti elettrici e termici, tipi e caratteristiche

L’intensità si perde se, ad esempio, una persona viene fulminata, poiché parte della corrente del circuito si perde a terra. Il interruttore differenziale confronta attraverso i campi magnetici prodotti, la corrente che entra e la corrente che esce dal circuito. Trattandosi di campi magnetici prodotti dalla stessa intensità, ma da correnti di verso opposto, si annullano a vicenda. Se le intensità sono diverse, rimane una risultante di campo magnetico, che muove un pulsante che interrompe il circuito elettrico.

Come funziona un interruttore differenziale salvavita e a cosa serve

Circuito interno e attivazione di un interruttore differenziale

  • Toroide: Nucleo centrale delle bobine di fase, neutro e differenziale.
  • bobina di fase: È la bobina attraverso la quale passa la corrente che entra in casa per generare il primo campo magnetico.
  • bobina neutra: È qui che circola la corrente uscente dalla casa per generare il campo magnetico uguale a quello generato dalla bobina di fase.
  • Bobina di corrente residua: È la bobina che genera corrente nel caso di un campo magnetico. Questa corrente residua è ciò che ti dice che c’è una differenza tra la corrente di ingresso e la corrente di uscita.
  • Solenoide: Contiene una bobina attraverso la quale passa la corrente residua. Se questa corrente esiste, significa che i campi magnetici non si sono annullati a vicenda, quindi la corrente in ingresso è diversa dalla corrente in uscita. Questa corrente residua genera un campo magnetico che attrae il lato del solenoide, creando un movimento che provoca l’apertura del circuito.

Sopra vediamo i collegamenti interni e il circuito completo di un interruttore, mostrato in diverse fasi e stati; al modalità di prova, nessuna deviazione (nessuna variazione della tensione elettrica) e con guasto a terra (quando c’è una perdita di tensione elettrica, quando l’interruttore stesso è attivato).

Articolo correlato  Che cos'è un differenziale e a cosa serve?

parti di un interruttore automatico

Tipi di interruttori differenziali

ce ne sono tre tipi di interruttori differenziali a seconda del tipo di corrente a cui sarà esposto. Questi sono:

  • interruttori differenziali classe AC: Per correnti alternate sinusoidali
  • interruttori differenziali una classe: Per correnti alternate e pulsanti che possono avere componenti dirette.
  • interruttori differenziali classe B: Adatto per la stessa corrente della classe A e anche per correnti continue isolate.

Caratteristiche di un interruttore differenziale

Nonostante caratteristiche dipendono dalla marca dell’interruttore, tutti devono rispettare quanto segue:

  • corrente di dispersione inferiore o uguale a 30 mA.
  • velocità di risposta meno di 50 msec.
  • abilità versatile – A seconda dell’interruttore, si va dalle portate minime (e sensibilità massima) alle portate industriali (alta tensione).
  • estremamente sicuro – Trattandosi di un dispositivo elettromeccanico, la minima perdita lo fa scattare e la parte meccanica non si guasta.

Differenze tra interruttore differenziale e magnetotermico

Il differenza tra l’interruttore differenziale e il interruttore magnetotermico È in ciò che proteggono. Come accennato in questo post, il interruttore differenziale è responsabile della protezione delle persone dalla folgorazione, mentre d’altra parte il interruttore magnetotermico È responsabile della protezione dei cavi e degli elementi elettrici da sovraccarichi e cortocircuiti.

In molte occasioni, sia in casa che in zona industriale, avremo un interruttore automatico e un interruttore magnetotermico.

Altre informazioni nel seguente video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto