Come funziona un elettroscopio e a cosa serve

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Come funziona un elettroscopio e a cosa serve.

Gli oggetti possono essere caricati elettricamente, con cariche sia positive che negative. Il l’elettroscopio ha delle lamelle il cui comportamento permette di determinare la carica di un oggetto per avvicinarlo.

Cos’è un elettroscopio

Un elettroscopio è un strumento che misura la carica elettrica di un oggetto. Gli oggetti di attrito sono caricati positivamente o negativamente e sono queste cariche che vengono rilevate dall’elettroscopio. con un elettroscopio sa se sono presenti cariche elettriche e qual è il loro segno.

A cosa serve l’elettroscopio?

L’uso di base di un elettroscopio è identificare il tipo di carica elettrica su un oggetto. L’oggetto può essere caricato con lo stesso segno dell’elettroscopio o con la carica opposta.

Poiché l’aria ha la capacità di condurre l’elettricità, fa sì che l’elettroscopio perda la sua carica a causa del suo contenuto di ioni. Il valore della velocità con cui l’elettroscopio si carica o si scarica in mezzo a un campo elettrico (come quello di un magnetico) consente di misurare la quantità di ioni nell’ambiente.

Poi il L’elettroscopio viene utilizzato anche per misurare la radiazione ambientale quando è presente materia radioattiva..

Come funziona un elettroscopio

fondamentalmente per avvicinarsi a un oggetto con la stessa carica dell’elettroscopio, i coprioggetto si separeranno. Se quell’oggetto si allontana, le lamelle si chiuderanno e torneranno alla posizione originale.

Perché si verifica questo particolare fenomeno? Quando se Se un oggetto caricato elettricamente viene avvicinato alla sfera all’estremità superiore, anche la barra di metallo si elettrizzerà.. Ciò fa sì che le lamelle vengano caricate con lo stesso segnale, con conseguente loro repulsione e separazione l’una dall’altra.

Articolo correlato  Che cos'è un sistema di sospensioni indipendenti e a cosa serve?

Il peso delle piastre permette di bilanciare la forza elettrostatica repulsiva. Quando si allontana l’oggetto elettrizzato dalla sfera, le lamelle perdono la polarizzazione e si richiudono.

Il la divergenza tra le due lamelle quando respinte consente di misurare la quantità di carica che hanno ricevuto. Se l’elettroscopio di segno noto è carico, sarà possibile sapere che tipo di carica ha l’oggetto che si avvicina alla sfera. Se le lamelle si separano, indica che ha la stessa carica dello strumento di misura. Se le lamelle si chiudessero, l’oggetto avrebbe segno opposto all’elettroscopio e funzionerebbe come una sorta di magnetismo.

Come funziona un elettroscopio e a cosa serve

Parti di un elettroscopio

Un elettroscopio di base è costituito da a sottile barra metallica verticale che presenta una sfera nella parte superiore e due fogli sottilissimi di alluminio o oro nella parte inferiore.

La barra di metallo è sostenuta dalla parte superiore di un contenitore di vetro traslucido che ha anche una struttura in rame che entra in contatto con il suolo; Lo scopo del contenitore è poter isolare, ma allo stesso tempo vedere la reazione al suo interno.

come-funziona-un-elettroscopio

Come si elettrizza un elettroscopio?

L’elettroscopio è costituito da due sottili lamine metalliche fissate a un’asta e protette da un contenitore di vetro o plastica.

Può essere caricato elettricamente strofinando un materiale isolante con un panno, applicando una differenza di potenziale tra due punti o avvicinando un elemento carico all’elettroscopio.

Quando abbiamo caricato l’elettroscopio, dobbiamo osservare le foglie dell’elettroscopio per vedere se sono separate o unite. Se le lamine sono separate, significa che è presente una carica elettrica. Se le lamine sono unite, significa che l’elettroscopio non ha carica elettrica.

Articolo correlato  Cosa sono i sistemi di riscaldamento per veicoli e a cosa servono?

Per vedere che tipo di carica elettrica è presente, dobbiamo mettere un elemento carico vicino all’elettroscopio. Se l’oggetto carico ha esattamente la stessa carica dell’elettroscopio, le foglie si respingono e si allontanano. Se l’oggetto carico ha una carica opposta a quella dell’elettroscopio, le foglie si attraggono e si avvicinano.

Se si desidera rimuovere la carica elettrica dall’elettroscopio, è sufficiente toccare lo stelo dell’elettroscopio con un elemento conduttore, come un dito o un’asta metallica. In questo modo la carica elettrica si sposterà verso l’oggetto conduttore e si disperderà.

Storia dell’elettroscopio

William Gilbert fu un medico e fisico vissuto tra il 1544 e il 1603. Con grandi contributi scientifici nel campo dell’elettricità e del magnetismoGilbert è stato il creatore del primo elettroscopio nell’anno 1600.

Nella misura aggiornata di Gilbert, il pezzo fa parte di un museo, ma continua ad essere istruttivo nel campo elettromagnetico (cfr. come funziona un elettromagnete).

Come realizzare un elettroscopio fatto in casa

Innanzitutto iniziamo con i materiali, tutti facili da trovare, e poi attraverso il processo di produzione passo dopo passo:

  • 1 barattolo di vetro (con coperchio)
  • 2 piccoli pezzi di carta stagnola.
  • 1 pezzo di filo di rame
  • Silicone (per incollare e isolare parti)
  • 1 piccolo tubo di plastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top