Come funziona il defibrillatore

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Come funziona il defibrillatore.

UN defibrillatore è un dispositivo utilizzato per diagnosi e trattamento delle aritmie e soprattutto di arresto cardiaco in modo tale da riuscire a salvare la vita dei pazienti.

Indicazioni per l’uso del defibrillatore

il defibrillatore agisce solo in caso di arresto cardiopolmonare dovuto a fibrillazione ventricolare, cioè quando c’è attività elettrica nel cuore, ma non c’è efficienza meccanica; È una delle cause più comuni di morte improvvisa. È indicato anche per tachicardia ventricolare senza polsocioè, c’è attività elettrica, ma nessun pompaggio del sangue.

In entrambi i casi, il defibrillatore ripristina il ritmo cardiaco effettivo attraverso la defibrillazione; che si basa sull’emissione di impulsi elettrici al cuore fino alla depolarizzazione di tutte le cellule del miocardio, che provoca la ripresa di un ritmo elettrico efficiente.

È necessario tener conto che il defibrillatore non raccomandato per arresto cardiaco con asistolia, poiché in questo caso il cuore non pompa sangue né ha attività elettrica; né sono utili nel contesto dell’attività elettrica senza polso, dove, con l’attività elettrica, può anche essere normale, ma non c’è efficacia meccanica. Per questi casi, l’unica cosa indicata è compressione toracica e ventilazione tipiche della rianimazione cardiopolmonare (RCP) cercando altre misure.

Tipi di defibrillatori

In base al tuo grado di autonomiaEsistono diversi tipi di defibrillatori:

defibrillatore esterno

Esistono due tipi fondamentali di defibrillatori esterni: uno cioè completamente automatico (DAE) e un altro semiautomatico (DESA), che potrebbe richiedere l’azione di qualche pulsante per funzionare; tuttavia, la cosa più comune è che anche questo tipo di defibrillatore è considerato automatico e riceve l’acronimo DEA.

Articolo correlato  Che cos'è una raspa e a cosa serve?

Sono dispositivi piccoli e leggeri, il che permette loro di esserlo laptop. Inoltre, hanno un sistema di massima allerta in modo che gli utenti possano usarli facilmente.

Come funziona il defibrillatore

Una volta collegato al torace tramite elettrodi, il DAE analizza la frequenza cardiaca e i ritmi per determinare se il trattamento elettrico è necessario o meno. Se necessario, applicalo automaticamente.

Questi dispositivi sono spesso posizionati strategicamente in luoghi pubblici in modo che possano essere utilizzati rapidamente in caso di emergenza che richieda il loro utilizzo. Attualmente, i defibrillatori esterni sono inclusi nella RCP, ovvero nella rianimazione cardiopolmonare strumentale di base.

Defibrillatori-cardioversioni convenzionali

Sono utilizzati professionalmente da operatori sanitari, in particolare medici e infermieri. In questi dispositivi, gli operatori sanitari possono vedere la frequenza cardiaca su uno schermo e sono loro a decidere quale tipo di shock e quando utilizzarlo. Tuttavia, in paesi come la Spagna, questo tipo di defibrillatore sta iniziando a scomparire dagli ospedali e dai centri sanitari.

Sequenza di utilizzo del defibrillatore

Come accennato in precedenza, i defibrillatori esterni automatici e semiautomatici possono essere maneggiati da chiunque a causa delle loro dimensioni e dell’elevato volume di istruzioni. Bisogna tener conto che la rapidità con cui vi si accede è vitale per la sopravvivenza del paziente disoccupato. Se defibrillato entro i primi 3-5 minuti, è possibile raggiungere tassi di recupero fino al 70%. L’impianto di questi dispositivi in ​​luoghi con un grande flusso di persone deve essere una priorità nelle normative sanitarie di tutti i governi.

Ora vediamo cosa fare se vediamo una persona che non respira normalmente e non risponde ai nostri tentativi di rianimarla. La prima cosa è consigliare ai presenti di liberare l’area e chiamare un’ambulanza, e cercare il DAE più vicino. Quindi la persona viene spogliata dalla vita in su e viene eseguita la RCP fino all’arrivo del defibrillatore.

Articolo correlato  Come funziona un manometro e a cosa serve

Per la rianimazione cardiopolmonare, una mano deve essere premuta con l’altra sul petto della vittima con forza e rapidità. La sua frequenza è di 100-120 compressioni al minuto e ogni 30 di esse devono essere effettuati 2 respiri, per i quali il naso della vittima è ostruito e l’aria viene fornita attraverso la bocca.

Posizione degli elettrodi del defibrillatore

Non appena il DAE o DESA è disponibile, bisogna attivarlo e attendere istruzioni preregistrate, come asciugare e rimuovere la vittima dall’acqua e radersi il torace, se possibile.

Gli elettrodi vengono quindi posizionati sui punti del torace che verranno indicati sulla tabella oa voce: uno sul petto, sotto la clavicola destra, e l’altro sulla parte inferiore delle costole sinistre. Nel caso di bambini piccoli possono essere utilizzati cerotti pediatrici o, se non inclusi, uno sul petto e uno sulla schiena. È importante che la RCP continui nel frattempo e fino a quando il defibrillatore indica diversamente.

Attendere quindi che l’AED o il DESA controllino il ritmo cardiaco e attendere che venga indicato il primo shock. Quindi, senza che nessuno tocchi il paziente, è il momento di premere il pulsante della scarica. Ritorna immediatamente in rianimazione. Continua così fino a:

  • Un altro soccorritore prende il sopravvento, un medico o un altro testimone esperto.
  • Il paziente reagisce, apre gli occhi e respira normalmente.

    Trova ulteriori informazioni in questo video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto