Come funziona una fotoresistenza e a cosa serve

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Come funziona una fotoresistenza e a cosa serve.

Il fotoresist è responsabile dell’accensione e spegnimento automatico delle luci in assenza di luce solare; notano che non c’è più luce, quindi si accendono.

Cos’è una fotoresistenza?

Un fotoresist è un componente elettrico, che ha una resistenza in grado di variare la sua grandezza quando viene a contatto con diverse grandezze di intensità luminosa.

È composto da una cellula fotorecettrice e due pillole; quando detta cella non percepisce più un certo livello di luce (cioè quando scende al di sotto dei lumen minimi prefissati), allora entra in contatto e le luci si accendono.

Come funziona una fotoresistenza?

le basi di come funziona una fotoresistenza Si trova nel suo componente principale, il solfuro di cadmio (CdS). Questo componente chimico è un semiconduttore che ha la capacità di variare la sua resistenza a seconda della quantità di luce che cade su di esso.

Quanti maggiore intensità è la luce incidente sul solfuro di cadmio, minore è la resistenza, cioè più facile per gli elettroni a muoversi. Vale la pena sapere che la variazione di resistenza quando ci sono cambiamenti improvvisi di luce non segue la stessa velocità, ma ha un ritardo.

Tipi di fotoresist

Esistono 2 tipi di fotoresistenze a seconda del modo in cui si polarizzano.

    1. Fotoresist o LDR lineare: Sono quelli che polarizzano l’opposto della sorgente a cui è collegato. Sono anche chiamati fotodiodi.
    2. Fotoresist o LDR non lineare: La polarità di questa fotoresistenza non dipende dalla sorgente a cui è collegata.

Caratteristiche delle fotoresistenze

  • Composto da un semiconduttore alta resistenza.
  • Il resistenza varia tra 1MΩ, quando c’è molta oscurità, e 100Ω con intensità luminose elevate
  • tempo di risposta di 1 decimo di secondo al variare dell’intensità luminosa.
  • Costo molto basso e tecnologia semplice, come si può trovare in telecamere, misuratori di luce, allarmi di sicurezza, misuratori radio o impianti di illuminazione pubblica; anche nelle auto moderne.
Articolo correlato  Esempi di materiali semiconduttori elettrici, tipi e caratteristiche

come-funziona-una-fotoresistenza

Come collegare una fotoresistenza?

collegare una fotoresistenza Basta collegare i suoi terminali al circuito, come se fosse una resistenza, che varia a seconda dell’intensità della luce. Nel prossimo video Vediamo passo dopo passo come collegare una fotoresistenza a un circuito.

Vantaggi delle fotoresistenze

  • Potrebbe coprire grandi superfici.
  • È facile da usare. Basta collegare i terminali funziona.
  • Il costo compra una fotoresistenza sotto e consente di ridurre i costi del personale.
  • c’è uno ottimo rapporto luce, buio, elettricità.

Svantaggi delle fotoresistenze

  • Dovremmo essere scegli il fotoresist a seconda del tipo di luce da misurare (luce infrarossa, visibile o ultravioletta).
  • Ciò che è noto come effetto isteresi. Quello che fa è di immagazzinare in quella che sarebbe la “memoria” del metallo, determinate condizioni, le quali, dovendo cambiare a causa dei cambiamenti di luce, ne ritardano l’operazione.
  • Non possono essere utilizzati in luoghi in cui la luce varia rapidamente, in quanto ha un bassa velocità di risposta.
  • Il variazione di resistenza in funzione dell’intensità della luce non è lineare.

Trova ulteriori informazioni in questo video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto