Come funziona un potenziometro e a cosa serve

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Come funziona un potenziometro e a cosa serve.

Un potenziometro è un componente di elettricisti e misurazione. Come suggerisce il nome, viene utilizzato per misurare e controllare la potenza attraverso le tensioni.

Cos’è un potenziometro?

Un potenziometro è uno strumento generalmente utilizzato in ambito tecnico per poter determinare la differenza in potenziale elettrico tra due terminali elettrici. La differenza di potenziale è ciò che è comunemente noto come tensione.

Il funzionamento di un potenziometro

Un potenziometro ha un funzionamento semplice, ha una resistenza variabile ad ogni estremità e una terza connessione ad un cursore, che ci permetterà di aumentare o diminuire la resistenza stessa. Lo scopo di questo è ottenere un valore variabile tra le connessioni, che possiamo controllare noi stessi.

Per conoscere in profondità come a potenziometro è importante conoscere i suoi componenti e quale funzione svolge ciascuno di essi. Consiste essenzialmente in a resistenza variabile che cambia valore all’aumentare della corrente.

Questo resistore ne ha tre terminali a cui è collegata la tensione da misurare. La modifica della resistenza varia la differenza di potenziale tra i terminali. Pertanto il valore della tensione è determinato dalla variazione della resistenza.

Tipi di potenziometro

Esistono diversi tipi di potenziometri e queste classificazioni dipendono dalla variazione della loro resistenza, dal tipo di controllo e (nei tempi moderni) dalla loro tecnologia.

come-funziona-un-potenziometro

Potenziometro secondo variazioni di resistenza

  • potenziometro lineare: Dove la resistenza varia linearmente con la variazione dell’angolo a cui è stata variata la resistenza.
  • potenziometro logaritmico: La resistenza varia in funzione dell’angolo ma questa volta in modo esponenziale inverso.
  • potenziometro seno: Varia a seconda del seno dell’angolo.
  • potenziometro antilogaritmico: varia esponenzialmente con l’angolo di torsione.
Articolo correlato  Come funziona un albero a camme

Potenziometro secondo tipo di controllo

  • potenziometro rotativo: Sono comandati ruotando un albero. Sono resistenti e occupano poco spazio.
  • potenziometro scorrevole: È controllato facendo scorrere un cursore in linea retta. Ampiamente usato negli equalizzatori grafici.
  • multipotenziometro: Hanno alberi coassiali. Quindi occupano molto meno spazio.

Potenziometro digitale

Sono quelli il cui funzionamento simula quello di un potenziometro analogico attraverso un circuito integrato, caratterizzato da una maggiore precisione.

Come utilizzare il potenziometro?

Il potenziometro è un componente elettronico molto utile nei circuiti elettrici, poiché consente di modificare il valore della resistenza in modo variabile. Il suo design di base consiste in un resistore con una resistenza fissa e un contatto mobile intelligente che si muove sull’area del resistore.

Come funziona un potenziometro e a cosa serve

Ruotando l’albero del potenziometro si sposta il contatto mobile e si modifica il valore della resistenza tra il contatto e le estremità del resistore.

Procedura per l’utilizzo di un potenziometro in un circuito elettrico:

  1. Individuare il valore preciso della resistenza: prima di scegliere un potenziometro per il circuito, è essenziale conoscere il valore di resistenza richiesto. Il valore della resistenza è espresso in ohm (Ω) e si trova nelle specifiche del circuito.
  2. Scegliere il tipo di potenziometro giusto: esistono diversi tipi di potenziometri, lineari e logaritmici. È fondamentale scegliere il tipo giusto per il circuito in cui verrà utilizzato.
  3. Collegamento del potenziometro al circuito: una volta scelto il potenziometro adatto, è necessario collegarlo al circuito. È necessario individuare quali sono le piattaforme di connessione del potenziometro e quale è il terminale del contatto mobile.
  4. Modificare il potenziometro: una volta collegato il potenziometro, è necessario modificare la posizione del contatto mobile per ottenere il valore di resistenza previsto. Ciò si ottiene ruotando l’albero del potenziometro.
  5. Controllare il funzionamento del circuito: il funzionamento del circuito deve essere controllato con il potenziometro. Se il valore della resistenza è impostato correttamente, il circuito dovrebbe funzionare correttamente.
Articolo correlato  Cos'è l'imbragatura e a cosa serve

Quali sono le differenze tra un potenziometro e un trimmer?

Queste differenze possono variare a seconda della marca e del modello specifico di ciascun componente. Tuttavia, queste sono le principali differenze tra un potenziometro e un trimmer.

CaratteristicaPotenziometroTrimmer
Tipo di regolazioneRegolazione manuale tramite un asse rotanteRegolazione tramite un cacciavite o un’attrezzo simile
ApplicazioneControllo del volume, dell’illuminazione, della velocità dei motori, tra gli altriRegolazione di precisione nei circuiti elettronici
Valore di resistenzaResistenza variabile con un valore nominale preimpostatoResistenza variabile con un valore nominale regolabile
DimensioneSolitamente più grandi e possono essere usati come elementi di controllo esterniSolitamente più piccoli e progettati per essere integrati nei circuiti elettronici
DurabilitàSolitamente più duraturi e resistenti alla manipolazione costanteSolitamente meno duraturi e progettati per essere regolati una sola volta

Applicazioni di un potenziometro

Il potenziometri Sono utilizzati per molti dispositivi elettrici ed elettronici. Possono essere applicati sia per compiere un’azione di controllo, cioè per modificare qualche condizione, sia come funzione di aggiustamento, cioè per rilevare qualche irregolarità e correggerla. Ecco alcuni esempi:

  • monitoraggio del suono: Il volume di uno stereo è controllato tramite un potenziometro.
  • Fan: La velocità di rotazione (0 ; 1 ; 2 ; 3 ; 4 ; 5) si determina con il potenziometro; quando è a zero significa che non c’è contatto, quindi è spento.
  • Fulmine: Regolando l’intensità della luce.
  • Sistema di controllo: È molto comune trovarlo nei sistemi di controllo per fungere da contatori di una certa variabile.

Guarda il seguente video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto