Come funziona un forno a microonde e a cosa serve

In questa sezione del nostro blog ProgettoSani ti portiamo informazioni su: Come funziona un forno a microonde e a cosa serve.

Il microonde, elettrodomestico utilizzato in cucina, funziona convertendo l’energia elettrica in energia elettromagnetica. Grazie a onde ad alta frequenza che genera questi influenzano il liquido contenuto nel cibo (a livello molecolare) provocandone l’aumento di temperatura.

Cos’è un forno a microonde

Un forno a microonde è un piccolo forno elettrico utilizzato in cucina per riscaldare i cibi. Funziona generando onde elettromagnetiche a una frequenza solitamente intorno ai 2,5 GHz.

A cosa serve un forno a microonde?

Come già accennato, il L’uso principale di questo apparecchio è quello di riscaldare il cibo., e in pochissime occasioni viene utilizzato per cuocere il cibo. L’acqua contenuta negli alimenti oi liquidi ad essi aggiunti vengono riscaldati per effetto delle onde ad alta frequenza generate dalle microonde, processo noto come riscaldamento elettronico o dielettrico.

Quando l’industria alimentare è venuta a conoscenza delle piene capacità del forno a microonde, questa tecnologia è stata applicata in molti modi, come ad esempio:

  • verdure disidratate
  • noci tostate e caffè
  • scongelare la carne (ma non per cucinare)
  • ostriche aperte;
  • Prepara delle torte/dessert veloci.

Le microonde sono state utilizzate in altri settori, come ad esempio essiccazione di ceramica, sughero, carta, tabacco, cuoio, fibre tessili, fiori, fiammiferiecc. Le microonde sono state utilizzate anche nel polimerizzazione di materiali sintetici come gomma, nylon e poliuretano.

Come funziona un forno a microonde?

All’interno del microonde c’è un infisso che si chiama magnetron. Il magnetron è a capo di produrre microonde ad alta intensità e indirizzarle direttamente a un ventilatore.

Le onde che raggiungono la ventola sono dirette al vano dove è posto il cibo. In le onde generano calore nei liquidi contenenti cibo (o che è incorporato accanto a loro) e generalmente si riscaldano.

Articolo correlato  Cosa è estrusore e a cosa serve

Le molecole di acqua e/o umidità presenti nell’alimento (o, in mancanza, in un contenitore d’acqua posto accanto all’alimento) si riscaldano per effetto del movimento molecolare accelerato, aumentandone così la temperatura; il cibo sale di temperatura e raggiungiamo il nostro obiettivo, ma non è cotto.

Parti di un forno a microonde

L’operazione è davvero molto semplice in quanto dipende da 2 parti. UN magnetron che è responsabile dell’emissione di queste piccole onde (microonde) ad alta frequenza, e quindi a cassa di risonanza che consente la formazione di un’onda stazionaria (ovvero, tutte le microonde rimbalzano ripetutamente avanti e indietro nello stesso punto); Inoltre, impedisce loro di andare ovunque.

Come funziona un forno a microonde e a cosa serve

Il il magnetron è costituito da una scatola di metallo con un piccolo foro che contiene un filamento che si riscalda ad una temperatura molto elevata. Il filamento quando è molto caldo inizia ad emettere elettroni, e la tensione accelera il movimento degli elettroni.

Parti di un forno a microonde

magnetron Parte fondamentale di un forno a microonde

La presenza di un potente magnete fa girare gli elettroni ed è questo movimento che produce le microonde. Gli elettroni che vengono generati come le microonde viaggiano attraverso la ventola e rimbalzano in direzioni diverse finché non colpiscono il cibo.

L’interno del microonde è completamente rivestito in metallo. Questo per riflettere la radiazione sul metallo e quindi non lasciare che gli elettroni fuoriescano. Questa particolare condizione del microonde lo rende più efficiente ed è un modo per proteggere gli utenti dalle onde.

Caratteristiche del microonde

Il microonde è una specie di scatola di metallo che ha una lampada chiamata magnetron, che genera energia ad alta frequenza. Questa parte del microonde è responsabile della conversione dell’energia elettrica in onde elettromagnetiche.

Articolo correlato  Che cos'è un riscaldatore solare e a cosa serve?

Contiene anche un cavità interna con piatto girevole dove viene posizionato il cibo. Un ventilatore dirige le onde verso la scatola di metallo per riscaldare o cuocere il cibo. In generale, il cancello che si chiude e si apre per introdurre il cibo è trasparente, il che consente di visualizzare il contenuto interno quando è in funzione.

Chi ha inventato il microonde

Il forno a microonde che conosciamo oggi è stato generato grazie all’applicazione secondaria dello sviluppo della tecnologia creata per altri scopi. Nell’anno 1946, medico Percy Spencer (un ingegnere della Raytheon Corporation) stava facendo ricerche sui radar. Durante il test di un tubo a vuoto chiamato magnetron, scoprì che il cioccolato che teneva in tasca si scioglieva.

Il sospetto nasce nel dott. Spencer che le onde causate dal tubo a vuoto hanno causato l’effetto sul cioccolato. Per testare questa teoria, chicchi di popcorn posti vicino al magnetron. È stato in grado di vedere il mais esplodere e trasformarsi in popcorn.

Spencer ripete l’esperimento ancora una volta, questa volta usando un uovo di gallina. Poiché la temperatura è aumentata troppo rapidamente, l’uovo è esploso a causa della pressione interna. Questi risultati gli hanno fatto continuare a provare cibi diversi.

Il dottore Percy Spencer realizzò una scatola di metallo che aveva un’apertura attraverso la quale entravano le onde del magnetron.. Le microonde confinate nel metallo man mano che l’energia prodotta dal campo elettromagnetico aumentava. UN Alla fine del 1946, la società Raytheon fece domanda per un brevetto che avrebbe consentito l’uso delle microonde per riscaldare il cibo.. Questi furono gli inizi del popolare forno a microonde di oggi.

Articolo correlato  Cos'è il compressore e a cosa serve

Perché gli oggetti metallici non possono essere inseriti nel microonde?

All’interno non devono essere inseriti elementi metallici, in quanto il metallo rifletterebbe le onde che si scontrano costantemente all’interno del forno (come se fosse parte della struttura esterna) e questo potrebbe intaccare l’intero meccanismo a microonde e romperlo; Può anche generare scintille e/o rischio di folgorazione. Per la tua sicurezza, non provare..

Qual è il consumo effettivo del microonde

Il Il consumo effettivo del forno a microonde è difficile da determinare a causa di diverse configurazioni e/o capacità. Tuttavia, possiamo rapidamente concludere che, sebbene il suo consumo orario sia elevato, il consumo finale è inferiore in quanto il tempo necessario per il suo utilizzo è più breve rispetto ad altri elettrodomestici (esempio: forno elettrico). Il consumo effettivo di microonde in determinate situazioni è il seguente:

  • Lo scongelamento di ½ kg di carne macinata richiede 5 minuti; consumando 600 W/h di energia, significa che consuma 50 W.
  • La cottura di una pizza surgelata richiede il consumo di 900 W/h per 4 minuti.
  • Lasagna surgelata (600 g) aumenta il consumo a 65 W/h in 7 minuti.
  • Riscaldare circa 450 g di cibi vari per cinque minuti consuma 125 Wh.

Se questi valori vengono tradotti in spese monetarie, l’equivalenza, nella maggior parte dei casi, è molto accessibile ai consumatori.

Guarda il seguente video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto