Che cos’è un utensile a scalpello e a cosa serve?

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Che cos’è un utensile a scalpello e a cosa serve?.

Il scalpello È uno strumento che è stato con noi fin dall’uomo primitivo. In questo articolo impareremo di più sul suo utilizzo, sui suoi tipi e sulla cura da tenere in considerazione quando lo si utilizza.

cos’è uno scalpello

Questo strumento è attualmente costituito da una barra d’acciaio con una punta affilata a forma di cuneo, tenuta in un manico solitamente di legno o plastica.

A cosa serve uno scalpello?

Con lo scalpello, insieme a uno strumento a percussione (come un martello o una mazza), puoi farlo intagliare superfici in legno, metallo o pietra. Viene utilizzato a freddo, per dividere un materiale, rimuovere trucioli, modellare parti, sgrossare, scanalare e rifinire, tra le altre attività.

tipi di scalpelli

Alcuni dei tipi più noti di scalpelli sono i seguenti:

Scalpelli utilizzati nelle parti meccaniche:

  • Fabbri: Chiamato anche scalpello a freddo, questo tipo di scalpello ha una punta affilata e fine ed è utilizzato principalmente per praticare fori, ma anche per tagliare ceramica, piastrelle e mattoni.
  • per scanalature dell’olio: Sono utilizzati per realizzare canali di lubrificazione nei cuscinetti, nonché piccole scanalature.
  • Punta di diamante: Utilizzato per scalpellare angoli e tagliare scanalature a forma di V.

  • punta tonda: Utilizzato per realizzare scanalature, avviare fori per successive forature e anche per realizzare scanalature.
  • spigolo vivo: questo scalpello serve per realizzare scanalature e tacche su lamiere sottili.

Scalpelli usati in oreficeria

  • In rilievo: Serve a dare rilievo a parti di disegni, ottenendo un effetto tipografico tridimensionale.
  • Appartamento: Come suggerisce il nome, serve a livellare le superfici e differenziarle dai rilievi. È punta piatta e liscia.
  • strutturato: È uguale al piano, tranne per il fatto che il suo corpo conferisce una certa consistenza alle superfici del disegno, che è l’ideale per gli effetti finali.
  • Evidenziatore: Viene utilizzato per delineare le parti di un disegno praticando piccole incisioni nella superficie da disegnare.
  • apri: Questo scalpello serve per prolungare il lavoro svolto dallo scalpello di tipo incisore.
Articolo correlato  Esempi di utensili da taglio, classificazione e funzionamento

parti di uno scalpello

Nonostante sia un pezzo unico e ci siano varietà di scalpelli, questo utensile è composto dalle seguenti parti:

  1. Testa: È la punta dell’attrezzo che riceve l’impatto della parte portante (martello/mazza).
  2. Mango: È il corpo o l’asta attraverso cui si propaga l’impatto del colpo.
  3. Culla: È formato dai lati delle aree di taglio.
  4. Mancia: È la parte estrema che dà l’impatto al pezzo da scalpellare.

Cura di base dello scalpello

  • usa sempre guanti e occhiali per evitare che le parti asportate dallo scalpello raggiungano queste zone.
  • Tenere saldamente lo scalpello, così come lo strumento di supporto con cui verrà generato l’impatto.
  • Non bagnare l’utensile e se si bagna, asciugarlo per evitare l’ossidazione del metallo.
  • Scegli il scalpello adatto per il compito corrispondente.
  • Non usarlo per eseguire movimenti della leva, in quanto ciò deformerebbe il corpo dello scalpello.
  • Mantieni l’area di battuta nello stesso posto per evitare deformazioni.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto