Esempi di materiali elettricamente conduttivi, tipi e caratteristiche

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Esempi di materiali elettricamente conduttivi, tipi e caratteristiche.

Il materiali conduttori elettrici Sono quelli che facilitano il passaggio della corrente elettrica. In questo articolo esploreremo diversi esempi di essi.

Cos’è un materiale conduttivo?

Il conducibilità È una proprietà fisica di alcuni materiali che offrono poca o nessuna resistenza al passaggio della corrente elettrica attraverso di essi. Questi tipi di materiali sono chiamati autistie la spiegazione di questo comportamento risiede nell’ultimo guscio elettronico di ciascuno dei suoi atomi:

I conduttori hanno pochi elettroni in questo strato, il che significa che non è necessaria molta forza per spostarli tra gli atomi, facilitando il passaggio dell’elettricità, composta principalmente da elettroni.

tipi di guidatori

I conduttori sono divisi in gruppi in base a come si basa ed esegue la conduzione elettrica. Secondo questa classificazione, si dividono in:

  • Conduttori metallici: Coloro che portano il carico in questo tipo di materiale sono i elettroni, quindi lo sterzo è elettronico. I metalli in generale appartengono a questo gruppo, così come le leghe, che sono fusioni di uno o più metalli.
  • conduttori di gas: Sono conduttori in forma gassosa, che sono passati attraverso un processo di ionizzazione. Questo processo dà loro la capacità di condurre elettricità essendo caricati elettronicamente, formando isotopi con forte elettronegatività per attrarre e condurre il flusso di corrente. Il suo utilizzo non è più così frequente, anche se è noto l’utilizzo di gas come l’ossigeno, nonché materiali inerti con forte elettronegatività (fluoro, cloro o bromo).
  • Conduttori elettrolitici: La conduzione in questo tipo di materiale è ionico, dove attraverso una reazione chimica una sostanza si divide nei suoi poli positivo e negativo, permettendo il passaggio di elettricità generando uno spostamento di materia. In questo caso entrano in gioco celle elettrolitiche che conducono elettricità in soluzioni ad alta polarità e facilità di ionizzazione (cloruri di sodio, magnesio, potassio, tra gli altri).
Articolo correlato  Come funziona un iniettore

Come si misura la conducibilità elettrica?

La conducibilità elettrica viene misurata utilizzando elettrodi, porre la sostanza da misurare in una soluzione acquosa, standardizzata e specifica per questo tipo di misura, ad una certa temperatura. Il dato fornito dalla misurazione è il contenuto ionico di detto materiale, che viene misurato come conducibilità in Siemens per metro (S/m)

Esempi di materiali conduttivi

  • Argento: L’argento è considerato il miglior conduttore di elettricità. A causa del costo di questo materiale, viene utilizzato solo in determinate applicazioni, con il rame che è il più utilizzato.
  • rame temprato: non ha la stessa conducibilità dell’argento, ma viene utilizzato per il suo basso costo nella maggior parte degli apparecchi elettrici e nel cablaggio delle macchine.
  • Pregò: L’uso dell’oro come conduttore è limitato a piccole applicazioni come telefoni cellulari, orologi o schede elettroniche.
  • Alluminio: Come il rame, è un ottimo conduttore per il suo basso costo.
  • Acciaio: Questa lega è anche a basso costo e altamente conduttiva, ampiamente utilizzata per la conducibilità nelle applicazioni industriali.
  • Soluzioni Saline: A causa dei processi di ionizzazione dei sali in un mezzo acquoso, sono perfetti conduttori di elettricità. A seconda dei componenti che lo compongono, sarà il suo fattore di conducibilità: i più conduttivi sono quelli formati da elementi alcalini insieme ad alogeni (fluoruri, bromuri, cloruri, tra gli altri).
  • Idrogeno: È un ottimo conduttore di elettricità. Ma a causa della sua instabilità chimica quando ionizzato, non viene spesso utilizzato come materiale conduttivo.
  • Bronzo: Si comporta in modo simile all’oro e all’argento in termini di conducibilità, quindi viene utilizzato con la stessa frequenza e per scopi simili, anche per il suo costo elevato.
  • Mercurio: Questo materiale è poco utilizzato per la sua elevata tossicità, ma ha la caratteristica di poter essere conduttivo sia allo stato gassoso che allo stato liquido o allo stato solido come metallo, a seconda delle temperature a cui è sottoposto.
  • Grafite: È una sostanza organica formata da catene carboniche, ampiamente utilizzata in elettricità ed elettronica per circuiti conduttivi.
Articolo correlato  Come funziona un cronometro e a cosa serve

Caratteristiche di un materiale conduttivo

questi materiali Consentire il libero flusso di elettroni tra le particelle, facilitando la conduzione dell’elettricità attraverso la superficie. La distribuzione della carica elettrica nei materiali conduttivi viene generalmente effettuata fino a quando le forze repulsive tra gli elettroni raggiungono un minimo, cioè quando sono al limite di prossimità tra loro.

Trova ulteriori informazioni in questo video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto