Cos’è il collegamento metallico e a cosa serve

In questa sezione del nostro blog ProgettoSani ti portiamo informazioni su: Cos’è il collegamento metallico e a cosa serve.

Il legame tra atomi dello stesso elemento metallico è chiamato legame metallico.. Questo tipo di legame forma strutture molecolari forti e forti perché gli atomi condividono gli elettroni di valenza.

Caratteristiche della connessione metallica

Quello che succede in questi casi con gli elettroni di valenza è che quando gli atomi si uniscono, questi tipi di elettroni lasciano la loro orbita vicino al nucleo dell’atomo originario e cominciano a gravitare attorno a entrambi i nuclei, formando un nuvola elettrica.

Ciò fa sì che le cariche positive e negative mantengano la loro attrazione e, con ciò, l’insieme atomico si rafforza, il che gli conferisce il elevati gradi di compattazione, durezza e durabilità che caratterizzano i metalli.

Occorre, a questo punto, distinguere i legami metallici dalle leghe, che sono combinazioni di metalli (o metalli e altri elementi) e altri tipi di legami chimici, come i legami ionici (che uniscono atomi di elementi metallici e non metallici) . covalente (che si verifica tra atomi non metallici).

Proprietà di un legame metallico

Oltre alle tipiche proprietà metalliche che abbiamo menzionato (solidità, durezza e malleabilità), i legami metallici forniscono composti con altre proprietà come unottima conduzione del calore e dell’elettricità. Quest’ultimo è dovuto a nuvole di elettroni che si muovono attorno ai nuclei atomici e per tutta la loro lunghezza e larghezza. Questa mobilità elettrica respinge anche l’energia luminosa che riceve, che conferisce ai metalli la loro caratteristica lucentezza.

La solidità dei metalli deriva dalla struttura cubica o esagonale degli atomi collegati da questo tipo di legame, ma c’è una sola eccezione a questa regola: il mercurio. È l’unico metallo liquido a temperatura ambiente e capace di formare goccioline sferiche e lucenti.

Articolo correlato  Che cos'è un timer e a cosa serve?

Esempi di legami metallici

Come è diventato chiaro, i legami metallici sono quelli che formano, appunto, i metalli allo stato più puro, motivo per cui, qualsiasi metallo che non sia il prodotto di una lega è un perfetto esempio di questo tipo di legame.

Cos'è il collegamento metallico e a cosa serve

Ma per essere chiari, citiamone alcuni: argento (Ag), oro (Au), cadmio (Cd), ferro (Fe), nichel (Ni), zinco (Zn), rame (Cu), platino (Pt ), alluminio (Al), gallio (Ga), titanio (Ti), palladio (Pd), piombo (Pb), iridio (Ir) o cobalto (Co). Finché non vengono aggiunti o mescolati altri elementi, gli atomi di quegli elementi sono tenuti insieme da legami metallici.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto