Cos’è un periscopio e a cosa serve?

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Cos’è un periscopio e a cosa serve?.

Nell’articolo di oggi parleremo del periscopio, cos’è, come funziona e a cosa serve.

cos’è un periscopio

In greco è dove si trova l’origine letterale del periscopio, un termine che deriva da due componenti in quella lingua:

– “peri-”, che può essere interpretato come “intorno”.

– “skopein”, che è sinonimo di “osservare”.

Un periscopio, in sostanza, Si tratta di un dispositivo a forma di tubo che, grazie all’utilizzo di più prismi e specchi, permette di vedere un’area che è impossibile vedere con i soli occhi.

Grazie al suo particolare design, un periscopio consente a chi si nasconde in una trincea o in un altro spazio simile di vedere senza rivelarsi. È comune avere specchi paralleli che compongono un angolo di 45 gradi prima della linea che li unisce. Questi specchi si trovano all’estremità superiore del tubo, mentre l’utente posiziona la propria visione all’estremità inferiore. Così puoi vedere un bersaglio senza sporgerti.

Con l’aggiunta di alcune lenti di ingrandimento, i periscopi consentono ancora all’utente di vedere a grande distanza. Questa virtù è presente nei periscopi che lavorano sui sottomarini. e che servono per vedere sulla superficie dell’acqua mentre il veicolo si muove sott’acqua e spesso di soppiatto.

Cos'è un periscopio e a cosa serve?

A cosa serve un periscopio?

Grazie al concetto semplice e geniale del periscopio, nel corso degli anni è stato utilizzato in diverse situazioni, mantenendo però sempre il concetto principale alla base della sua invenzione, che è quello di fornire all’utente un vantaggio.

Sfruttando il vantaggio visivo dell’utente rispetto ad un altro gruppo che non dispone di questo strumento, possiamo apprezzare lo sviluppo di un nuovo utilizzo del periscopio come strumento in situazioni di guerra o osservazione coperta come in:

  • Osservazione di aerei e navi.
  • Lancio di siluri.
  • Nella navigazione astronomica ad immersione.
  • Studia e analizza la distanza per attaccare il nemico.
  • In navigazione, quindi, sono segnali costieri.
Articolo correlato  Come funziona un vacuometro e a cosa serve

Come funziona un periscopio

Il periscopio è un dispositivo che ci permette di vedere oggetti che si trovano sopra il livello dei nostri occhi. Il periscopio più semplice è formato da due specchi inclinati posti ad una certa distanza in direzione verticale. Si tratta essenzialmente di un tubo con una serie di specchi alle estremità, paralleli e formanti un angolo di 45º rispetto alla linea che li unisce. La luce che proviene da un oggetto colpisce lo specchio superiore, viene riflessa verso quello inferiore, e da lì raggiunge l’occhio dell’osservatore, che vede un’immagine dell’oggetto.

Nei periscopi più avanzati, come quelli sui sottomarini, sono stati aggiunti obiettivi aggiuntivi per ingrandire l’immagine. In questi dispositivi gli specchi sono sostituiti da prismi per ottenere una migliore qualità delle immagini.

parti di un periscopio

Ogni periscopio ha parti diverse che si integrano per renderlo più adatto allo scopo del compito per il quale verrà utilizzato, ma il cuore del concetto di periscopio è in queste parti:

  1. Schermo: La parte in cui l’utente ingrandisce per visualizzare il target.
  2. prisma diagonale: Vetro angolato che riflette la luce e l’immagine a 45 gradi rivolti verso l’alto.
  3. Per trattare: Maniglia che l’utente terrà per utilizzare il dispositivo.
  4. Raddrizzatore per lenti: Lente che svolge la funzione di stabilizzare l’immagine e prevenire la perdita di luce all’interno del corpo del periscopio.
  5. tubo periscopico: Struttura cilindrica che contiene le lenti e i prismi, questa parte cerca anche di mantenere la luce indesiderata fuori dal corpo del periscopio
  6. Secondo raddrizzatore per lenti: A differenza della prima lente raddrizzante, questa seconda lente assolve a volte la funzione di ingrandire l’immagine grazie ad un aumento all’interno del vetro, inoltre può avere una pellicola antiriflesso per proteggere la visione dell’utilizzatore.
  7. Obiettivo di campo: L’obiettivo di campo, sebbene simile agli obiettivi di raddrizzamento, ha una forma più arrotondata nella parte superiore del vetro che fornisce un campo visivo più ampio simile a un obiettivo fotografico fisheye.
  8. lente ausiliaria: Isola il deterioramento dal resto delle lenti nel corpo del periscopio.
  9. Prisma diagonale superiore: Prisma inclinato a 45 gradi, identico al prisma inferiore, attraverso il quale entra la luce, che è perfettamente collegato a tutte le altre lenti che rifletteranno la luce e l’immagine.
  10. Finestra: Il vetro protettivo nella bocca superiore del periscopio isola polvere e particelle dal danneggiare il resto delle parti all’interno del periscopio.
    Articolo correlato  Che cos'è un trasduttore e a cosa serve?

    Guarda il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto