Cos’è il magnetismo e a cosa serve

Bene, siamo lieti di vederti qui, nell’articolo troverai: Cos’è il magnetismo e a cosa serve.

Vedremo in questo articolo il concetto, i fondamenti e la fisica relativi al processi di magnetismo.

cos’è il magnetismo

Il magnetismo è A Fenomeno fisico che alcuni materiali hanno attraverso la generazione di campi magnetici. Questi campi possono essere generati dalla costituzione stessa della materia, dal movimento di particelle, nonché dall’azione o dal passaggio di una corrente elettrica.

Caratteristiche del magnetismo

Un materiale è considerato magnetico quando, avvicinandosi a superfici o materiali con comportamento magnetico noto, il primo inizia ad operare in base al campo magnetico del secondo.

Funzione e fisica del magnetismo

Il magnetismo è esercitato dall’azione di un campo magnetico. Può essere un magnete (dipolo magnetico) o corrente elettrica, e quando si genera il campo magnetico, una forza di tipo magnetico inizia a mobilitarsi all’interno di questo campo, che agirà su tutte le particelle che si trovano all’interno del campo.

Nel caso della corrente elettrica, è composta da particelle elettricamente cariche e in movimento. Questa condizione genera fenomeni di magnetismoche possiamo vedere nello stesso funzionamento atomico, così come nelle forze di attrazione e repulsione tra elettroni e protoni, o nella polarità chimica delle sostanze e dei legami.

tipi di magnetismo

Come abbiamo visto in precedenza, la configurazione elettronica degli elementi influenza il comportamento magnetico, determinandone così il comportamento. Esistono diversi comportamenti magnetici, che sono classificati nei seguenti tipi:

  • Comportamento non magnetico: Non influisce sul passaggio delle linee del campo magnetico (un esempio potrebbe essere il vuoto).
  • Comportamento diamagnetico: Sono materiali con comportamento magnetico debole, per la loro configurazione elettronica li troviamo come metalli di transizione, più vicini al lato non metallico, in una tavola periodica: piombo, argento, bismuto. Quando si avvicina a una barra magnetica, respinge il materiale.
  • Comportamento paramagnetico: In questo tipo di materiali il fenomeno del magnetismo è un po’ più significativo. Rientra in questa categoria alluminio, palladio e aria.
  • Comportamento ferromagnetico: Questo gruppo è quello che ha un comportamento magnetico, sono attratti se sono vicini a una barra magnetica. Cadono sotto questa denominazione ferro, cobalto, acciaio dolce e nichel.
  • Comportamento antiferromagnetico: Questi materiali non mostrano un comportamento magnetico anche se sottoposti a un campo magnetico indotto. Il più noto è il ossido di manganese.
  • Comportamento ferromagnetico:Sono generalmente derivati ​​da ferromagnetici, in quanto hanno un grado di magnetismo inferiore. Un esempio potrebbe essere il ferrite di ferro.
Articolo correlato  Come funziona gli ultrasuoni

storia del magnetismo

La scoperta e la sperimentazione dei fenomeni magnetici risalgono al Grecia antica, vedendo come alcune pietre attirassero il ferro e il comportamento di questo metallo con altre particelle simili. Questi primi magneti erano conosciuti come Naturale.

Cos'è il magnetismo e a cosa serve

Con l’invenzione delle prime bussole, lo studio del magnetismo si sviluppò ulteriormente, poiché ora c’era un ago che girava nella navigazione e serviva a localizzare il nord in qualsiasi spedizione.

Successivamente, con la sperimentazione e la teorizzazione dei fenomeni elettrici, si cominciò a trovare una relazione tra loro il movimento degli elettroni, il flusso delle cariche elettriche in corrente ei fenomeni di elettromagnetismo. Infatti, durante i secoli XVII e XVIII, il magnetismo e l’elettricità furono unificati attraverso il equazioni di Maxwell, uno scienziato e fisico che è riuscito a stabilire una tale relazione attraverso precedenti lavori su esperimenti forniti da Faraday, Ampere e Gauss, tra gli altri.

materiali magnetici

Questi sono alcuni dei materiali magnetici più noti:

  1. Nichel
  2. Ferro da stiro
  3. Cobalto
  4. Leghe dei metalli sopra menzionati.
  5. Acciaio

In un altro articolo ne parleremo più in dettaglio.

applicazioni del magnetismo

Queste sono alcune delle applicazioni più note dei magneti e dell’elettromagnetismo:

Relazione tra magnetismo e polarità

Il magnetismo è definito come la capacità di un materiale di generare un campo magnetico, attraverso il quale il magnete attiverà il suo potere di attrazione. In questo modo i materiali che vengono attratti subiscono magnetizzazione e fenomeni di magnetizzazione.

La polarità di un magnete determinerà il loro magnetismo di base, con il quale possono generare un campo magnetico per avvicinare alcuni tipi di materiali.

    Non perdetevi il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto