Come funzionano le schede elettriche

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Come funzionano le schede elettriche.

quando parliamo di quadri elettrici, ci riferiamo ad alcuni dei componenti principali di a installazione elettrica. Su queste schede troviamo, protetti, tutti i circuiti in cui è suddiviso l’impianto elettrico. Nella maggior parte delle abitazioni è presente almeno un quadro elettrico o elettrico, mentre negli impianti industriali o nei grandi magazzini possono esserci più sottoquadri che vengono alimentati da quello principale. Questa scheda madre può anche essere chiamata consiglio generale ed è quello che ospita il set di tubi e condotti elettrici che partono dal contatore, detto “annesso” e da dove partono tutti gli altri circuiti che forniscono corrente alla casa.

quadri elettrici devono essere conformi alle normative vigenti e non può essere distribuito per capriccio degli utenti. Oltre a proteggere l’integrità fisica ed evitare complicazioni, questa omogeneità dei quadri consente a chi li utilizza (siano essi utenti o elettricisti professionisti) di distinguere facilmente ciascuna delle parti.

Quali sono le funzioni di un quadro elettrico?

Il quadro elettrico è il principale responsabile di fornire protezione ai componenti di comando e controllo di un impianto elettrico, se industriale o residenziale.

Nel caso di una casa, il quadro elettrico serve a: garantire la sicurezza dei residenti; proteggere gli elettrodomestici in caso di improvvisi sbalzi di tensione; interrompere l’alimentazione generale in modo da poter lavorare in sicurezza su un guasto e rilevare quale interruttore potrebbe causare il guasto e agire solo su di esso. Nelle schede più tradizionali sono presenti 3 gruppi di chiavi, mentre in quelle più attuali possono esserci fino a 5 gruppi.

Parti di un quadro elettrico

I quadri elettrici sono composti da due parti: armadio e componenti.

Articolo correlato  Cos'è il mandrino e a cosa serve

Il gabinetto, chiamato anche armadio o scatola, è la struttura che contiene la tavola stessa. Deve il suo nome alla forma che assume ed è generalmente una scatola con uno sportello che si chiude con una serratura per evitare che qualcuno tocchi accidentalmente i componenti, ma allo stesso tempo è facilmente accessibile in caso di emergenza.

I componenti dipendono dal tipo di scheda e dalla sua funzione, ma più comunemente includono quadro (interruttori, interruttori), protezione (fusibili e salvavita) e misura (contatori, amperometri, voltmetri, trasformatori di corrente). Questi possono essere fissati a una piastra di montaggio all’interno dell’armadio o sulla porta dell’armadio, ma mai di lato.

Come funzionano le schede elettriche

Dove posizionare un quadro elettrico?

Nel posizionare il quadro elettrico è necessario tenere conto non solo che sia facilmente accessibile per chi deve manovrarlo, ma anche Uno spazio che garantisce la tua sicurezza. Per questo, il luogo deve essere asciutto e ben ventilato per evitare perdite di umidità che intaccano i cavi e possono causare cortocircuiti e altri problemi.

Come è composto un quadro elettrico?

Come dicevamo sopra, un quadro elettrico standard o vecchio è composto da 3 tipi di interruttori: un interruttore di controllo dell’alimentazione (ICP), un interruttore differenziale (ID) e diversi piccoli interruttori automatici (PIA); mentre le schede più recenti hanno 5 gruppi di interruttori: l’ICP, l’ID, i PIA a cui si aggiunge l’IGA, ovvero un interruttore generale automatico e un PCS o stabilizzatore.

Vediamo le caratteristiche di ognuna di esse.

  • ICP (interruttore di controllo dell’alimentazione): È responsabile dell’interruzione del flusso di corrente per proteggere l’impianto in caso di sovraccarico o cortocircuito. All’interno del quadro occupa la prima posizione, prima dell’interruttore generale automatico.
  • IGA (interruttore principale automatico): come abbiamo detto sopra compare solo sui quadri elettrici più moderni e non compare su quelli vecchi. È un interruttore che controlla che una casa non consumi più del massimo che l’impianto supporta per evitare problemi. Quindi, quando molti elettrodomestici sono collegati e funzionanti, quell’interruttore si accende e spegne l’alimentazione a tutta la casa. Puoi farlo anche se ci sono cortocircuiti.
  • PCS (protezione contro le sovratensioni): Questo è l’altro componente unico e obbligatorio per le nuove installazioni. Come si evince dal suo nome, questa protezione ha la funzione di evitare che gli elettrodomestici della casa si danneggino in caso di aumento eccessivo della tensione, per qualsiasi motivo. Per questo, ciò che fa il PCS è deviare la corrente a terra.
  • ID (interruttore differenziale): Questo elemento protegge dalla dispersione di corrente che può causare “scintille” quando si tocca un filo allentato. Per fare ciò, ciò che fa è “saltare”, qualcosa che vedremo facilmente, poiché ha la forma di una leva o di un pulsante che possiamo distinguere ad occhio nudo.
  • PIA (Piccoli Interruttori Automatici): Si tratta di interruttori che controllano separatamente il flusso di energia verso diversi apparecchi della casa o verso determinati circuiti. Sono sempre insieme, ma in caso di consumo eccessivo o danneggiamento, vengono staccati separatamente, lasciando senza alimentazione solo un determinato settore o dispositivo, invece di togliere corrente a tutta la casa. Questo è utile anche nel caso in cui devi lavorare in una parte della casa, permettendoti di tagliare l’elettricità proprio lì e non disturbare il resto.
    Articolo correlato  Come funzionano i sensori

    Guarda il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto