Cos’è l’intelligenza artificiale e a cosa serve

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Cos’è l’intelligenza artificiale e a cosa serve.

Il intelligenza artificiale (AI) è una branca dell’informatica che studia e apprende il macchina dell’intelligenza, con i suoi processori e software, per imitare, in un certo senso, le funzioni del cervello e del corpo umano.

Secondo Andrea Kaplan si michael heenlein, l’intelligenza artificiale lo è “la capacità di un sistema di interpretare correttamente i dati esterni, apprendere da tali dati e utilizzare tali conoscenze per raggiungere compiti e obiettivi specifici attraverso un adattamento flessibile”.

L’intelligenza artificiale rende possibile riconoscere un nuovo modo di risolvere problemi e integrare queste risoluzioni nei processi di conoscenza. In un certo senso, l’intelligenza artificiale è un sistema molto intelligente in grado di proiettare la propria intelligenza.

È composto da un sistema esperto che funge da struttura, in grado di utilizzare la conoscenza di un processo specifico. A sua volta, memorizza anche tutti i componenti necessari per poter eseguire questi processi. L’importanza di questi processi è che possono creare algoritmi, imparando automaticamente da questi dati memorizzati, per essere in grado di prendere decisioni nello stesso modo in cui lo farebbe un essere umano.

Tipi di intelligenza artificiale

Esistono diversi tipi di intelligenza artificiale, a seconda dei sistemi che la compongono e della sua applicazione.

Sistemi che emulano il comportamento umano

All’interno di questa classificazione, possiamo trovare il sistemi che pensano e agiscono come esseri umani; perché sono in grado di automatizzare e replicare i processi che gli esseri umani svolgono, come la risoluzione di determinati problemi, l’apprendimento, vari compiti e il processo decisionale. Esempi di questi processi sono le reti reti neurali artificiali e robot.

Articolo correlato  Cos'è la reazione di sostituzione e a cosa serve

sistemi razionali

Sono tutti quei sistemi che razionalmente cercano di farlo imitare il comportamento umano. Tra questi sistemi vi sono il sistemi esperti, responsabile dell’emulazione della percezione umana, della capacità di ragionamento e della sua conseguente azione.

Cos'è l'intelligenza artificiale e a cosa serve

Quanto è importante l’intelligenza artificiale?

L’intelligenza artificiale è diventata, nel tempo, un’area di conoscenza molto importante che cerca di incorporare nuovi processi per facilitare la vita umana e, in molti casi, sostituire il lavoro umano. Alcuni degli aspetti più importanti dell’intelligenza artificiale sono:

  • chi cerca il potere automatizzare l’apprendimento attraverso la ripetizione e la progressione dei dati.
  • Che invece di automatizzare le attività manuali, puoi eseguire attività informatizzate in modo efficace ed efficiente.
  • Ciò trova una struttura nei dati per poterlo fare programmare un algoritmo e, a sua volta, viene aggiornato e adattato quando vengono caricati nuovi dati, sviluppando la tecnica di retropropagazione.
  • Che analizza i dati in un modo capace di costruire a grande sistema di dati, addestrare i modelli di apprendimento. Più dati vengono forniti, migliore e più preciso sarà il sistema.
  • che aggiunge intelligenza prodotti preesistenti.
  • Attraverso processi e reti neurali, raggiunge una precisione che consente la creazione di assistenti virtuali o prodotti come Alexa, Siri, Ricerca Google o Google Foto. Inoltre, questi stessi profondi processi ne consentono l’utilizzo nel campo della medicina, per riconoscere oggetti e malattie con la stessa abilità dei tecnici umani specializzati.

Etica e problemi legati all’intelligenza artificiale

Nel corso del 21° secolo c’è stato uno sviluppo molto importante nell’area tecnologica e scientifica legata all’intelligenza artificiale e questo ha influenzato notevolmente altri ambiti. Ad esempio, qualcosa di simile è accaduto durante la seconda rivoluzione industriale, che ha avuto un impatto diretto sull’economia mondiale, a seguito dell’automazione dei processi produttivi che prima erano eseguiti dalla mano umana, un fenomeno noto come disoccupazione tecnologica. Con l’avvento dell’intelligenza artificiale si teme che possa verificarsi un fenomeno simile.

Articolo correlato  Principio di esclusione delle leggi chimiche di Pauli

Alcune opere di fantascienza sondano alcune questioni etiche legate all’intelligenza artificiale, come i films AI Intelligenza Artificiale, Bicentennial Man o I, Robot. Lì vengono raccontate storie legate alla conoscenza di sé o alla possibilità che robot e computer siano in grado di provare dolore ed emozioni, obbedire agli ordini o esercitare il libero arbitrio.

    Non perdetevi il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto