Che cos’è un sistema di accensione del motore e a cosa serve?

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Che cos’è un sistema di accensione del motore e a cosa serve?.

Il sistema di accensione del motore comporta la produzione di una scintilla dalle candele e la sua distribuzione ai cilindri del motore nel corrispondente ordine di funzionamento.

Il concetto di scintilla per accendere un motore a due o quattro tempi corrisponde al motori che utilizzano benzina. Il motori diesel non richiedono una scintilla poiché la miscela di carburante si autoaccende per compressione interna a una temperatura più elevata.

A cosa serve l’accensione del motore?

Il sistema di accensione del motore è il principale responsabile della fornitura dell’energia di cui il motore a combustione ha bisogno per mantenere i cicli che descrive.. Per mezzo di un motore elettrico, il Albero motore o l’albero motore.

Un’altra funzione del sistema di accensione è immagazzinare e produrre energia elettrica utilizzando batterie e alternatore.

Dopo che sono avvenute le relative fasi, si procede all’accensione della miscela combustibile. Nel caso del motore a benzina, le scintille vengono prodotte all’interno della camera di combustione; Nei motori diesel, il carburante viene inviato pompe di iniezione e l’accensione avviene per compressione della miscela.

parti del sistema di accensione del motore

In un sistema di accensione base, che utilizza una batteria, è possibile trovare componenti quali: chiave di accensione, batteria, platino, bobina, interruttore, condensatore, spinterogeno e candele.

  • Contatto principale: Consente al guidatore di avviare l’auto chiudendo un circuito di accensione elettrica quando si gira la chiave. La batteria alimenta il circuito primario e il motorino di avviamento.
  • Batteria: È un dispositivo che immagazzina energia ed è responsabile di fornirla per il funzionamento del circuito.
  • Platino: Collega o disconnette il circuito primario nel bobina di accensione. È lui che ha il compito di interrompere la corrente nella bobina e aumentare la tensione. Consiste in un contatto mobile che riceve la corrente che proviene dalla bobina e dall’incudine, dove viene convertita in massa.
  • Bobina: È responsabile della generazione di corrente ad alta tensione utilizzando quella proveniente dalla batteria e trasmettendola alle candele. Per una corretta accensione della miscela sono necessari circa 25.000 volt.
  • Condensatore: Assorbe la scintilla attraverso i contatti dell’interruttore, riduce il tempo di rottura della bobina e aiuta ad aumentare la tensione.
  • Distributore: È chi distribuisce la corrente alle candele nell’ordine necessario perché si generi la scintilla.
  • Spine: Si trovano all’interno dei cilindri e È qui che si genera finalmente la scintilla che permette la combustione della miscela. La scintilla si produce grazie al fatto che l’accensione aumenta la tensione, quindi il salto di energia elettrica tra i due elettrodi che ha la candela. Sono componenti del sistema di accensione del motore. Benzina.
    • candelette: Sono quelli che scaldano la testa e bloccano prima di effettuare partenze a freddo. Sono utilizzati solo nei motori diesel. Attualmente, i modelli sono progettati per spegnersi automaticamente quando il motore viene avviato e accelerato oltre il minimo.
Articolo correlato  Come funziona un interfono e a cosa serve

Come funziona il sistema di accensione del motore a benzina?

Quando si gira la chiave di accensione e il motore inizia a girare, lo stadio si apre e si chiude grazie al movimento di una camma posta sull’albero del distributore. Quando il platino è chiuso, la corrente scorre a circa 4 ampere attraverso il primario della bobina. poi ha origine un campo elettromagnetico sull’anima metallica della bobina.

Che cos'è un sistema di accensione del motore e a cosa serve?

Quando lo stadio viene aperto azionando la camma, il flusso di corrente viene interrotto nel primario della bobina. Le linee magnetiche causano tensione nell’avvolgimento secondario. A causa delle spire nell’avvolgimento secondario, la tensione prodotta è alta.

La corrente ad alta tensione passa attraverso un filo dalla bobina direttamente al distributore. Passa attraverso il rotore e viene quindi distribuito alle candele poste all’interno dei cilindri, seguendo l’ordine di accensione. L’alta tensione lascia il distributore attraverso il filo ad alta tensione fino a raggiungere le candele. Quindi, tra gli elettrodi della candela produce il salto di scintilla. Nel caso di un motore diesel, avviene il riscaldamento delle candelette.

Tipi di sistema di accensione del motore a benzina

  • accensioni transitorie: Sono gli unici che hanno a transistor situato tra la bobina e l’interruttore. L’obiettivo è divide la corrente della batteria in bassa tensione per l’interruttore automatico e alta tensione per la terra della bobina. Il transistor ha il vantaggio di un minore consumo, inoltre i contatti dell’interruttore automatico hanno una maggiore durata, una migliore qualità della scintilla e si può fare a meno del condensatore.
  • Sistemi elettronici: Questi sistemi non hanno un interruttore automatico, ma un elemento elettronico preposto a moderare la pausa e il tempo in cui la coil viene alimentata. Tra le caratteristiche più straordinarie di questo tipo di accensione c’è quella l’avviamento del motore anche a freddo è più semplice rispetto ad altri sistemi. Presenta inoltre migliori prestazioni, sia agli alti regimi che al minimo, oltre a minori consumi di carburante e batteria.
Articolo correlato  Come funziona un parafulmine e a cosa serve

Come funziona il sistema di accensione del motore diesel?

Come i motori a benzina, i diesel si avviano tramite un motore elettrico, che avvia il ciclo di accensione per compressione. Se il clima è freddo, rende difficile l’avviamento del motore diesel, in quanto la compressione non viene effettuata alla giusta temperatura per l’accensione del carburante.

Per risolvere questo problema, sono stati posizionati candele accese. Questi riscaldatori elettrici alimentati a batteria si attivano pochi secondi prima dell’avvio del motore.

Un motore diesel va in stallo quando si spegne la chiave di accensione, ma in questo caso la scintilla non viene interrotta, ma si chiude un solenoide elettrico e l’alimentazione del carburante smette di fluire verso la pompa di iniezione.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto