Quali sono i tipi di rivetti e a cosa servono?

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Quali sono i tipi di rivetti e a cosa servono?.

Questo articolo spiegherà i diversi tipi di rivetti esistenti oggi, nonché la loro classificazione e utilizzo.

cos’è un rivetto

Il rivetto, come abbiamo visto in altre occasioni, è sostanzialmente un perno metallico simile a una vite ma senza filetto, con la stessa funzione di unire i pezzi, in questo caso rivettando la testa.

A seconda del tipo di materiale su cui lavorare si dovrà quindi utilizzare il tipo di rivetto I suoi usi sono vari nell’industria, principalmente nei processi di automazione automobilistica, aria condizionata, elettrodomestici e ingegneria, tra gli altri.

Tipi e usi dei rivetti

Per ogni classe di materiale esiste un tipo di rivetto ideale per il suo utilizzo, tenendo conto della resistenza del materiale e del rivetto stesso a tenere il giunto. Questi sono i tipi di rivetti e i loro usi:

  • Rivetto standard: Questi rivetti sono utilizzati in materiali metallici labili, come rame, acciaio o alluminio. Sono economici e offrono una connessione veloce.
  • Rivetto ombrello: È usato in materiali morbidi, così come quelli con bassa resistenza alla pressione, e lo è versatile per l’uso in vari spessori, oltre ad offrire un’elevata resistenza alla corrosione.
  • fiore rivetto: Come il rivetto precedente, viene utilizzato nello stesso tipo di materiali, di bassa resistenza e morbidi (legno, fibra, plastica), ma allo stesso tempo È possibile unire materiali di questo tipo con materiali di maggiore rigidità. Deve il suo nome alla forma a fiore della testa di chiusura, che garantisce una buona adesione tra il rivetto e le parti.

  • rivetto impermeabile: Questo rivetto offre un fissaggio a tenuta stagna ed ermetico, grazie alla testina che ha una ritenzione da fissare all’interno dell’articolazione, questo lo rende Ideale per impianti dove si trattano liquidi o vapori in pressione che non devono fuoriuscire.
  • modanature per rivetti: In questo caso, Il rivetto è personalizzato e viene utilizzato per fissare i telai. Come lo standard, è ideale per assemblaggi semplici, oltre ad essere economico.
Articolo correlato  Che cos'è una dinamo e a cosa serve?

Come posizionare un rivetto

noi dobbiamo avere un foro esistente o perforato per il rivetto stesso. Se è stato realizzato per il rivetto, le due parti da unire devono essere forate contemporaneamente. Il foro praticato deve essere preciso e perpendicolare in modo che il rivetto si adatti perfettamente e il foro non sia allentato per le parti.

Per evitare deviazioni, Le parti devono essere bloccate con pinzette o pinzette, e deve essere forato con un trapano il cui diametro deve corrispondere a quello del rivetto da posizionare.

L’utilizzo dei rivetti e della rivettatrice dipenderà dal tipo di lavoro da eseguire e dal materiale delle parti da rivettare.

Quali sono i tipi di rivetti e a cosa servono?

parti di un rivetto

Il rivetto ha tre parti:

  1. Corpo: anche chiamando spiga o stelo, La sua forma è cilindrica ed è il settore che viene inserito nei due pezzi da unire.
  2. Testa: Ha un diametro maggiore del corpo, in quanto tiene insieme i due pezzi dal foro e dal corpo. La testa può essere bombata o svasata, a seconda del materiale da rivettare. Ecco come viene utilizzata la svasatura nei casi di elevato spessore del materiale o quando è richiesta una superficie rivettata piana; e la cupola è indicata per un uso versatile in termini di materiali, ad eccezione di quelli fragili.
  3. mandrino: È il centro del rivetto che viene inserito nella rivettatrice. Questa sezione è esterna al raccordo, in quanto la sua funzione è quella di contenere i macchinari.

Importanza della scelta del rivetto ideale

In conclusione, a seconda dei materiali da forare e delle parti da unire, della sua densità o labilità e della sua bassa o alta resistenza, è il tipo di rivetto da utilizzare.

Articolo correlato  Come funziona un albero a camme

Nel caso in cui non si utilizzi un rivetto corretto, possono accadere due cose: la prima è quella il rivetto non supporta l’aderenza delle parti e si rompe; la seconda è che i materiali o le parti tenute insieme dal rivetto si rompono durante il processo.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto