Come funzionano i collegamenti chimici

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Come funzionano i collegamenti chimici.

Le molecole biatomiche, i cristalli, i metalli e i gas che costituiscono quasi tutto ciò che ci circonda sono legati da legami chimici, che fissano le proprietà della materia. Ma cos’è un legame chimico?

Un legame chimico è il processo che consente agli atomi e alle molecole di interagire in modo attraente tra loro e rende stabili i composti chimici biatomici e poliatomici. La chimica quantistica si occupa di indagare su queste forze attrattive.

Come funzionano i legami chimici?

Le cariche opposte si attraggono per acquisire maggiore stabilità. Questa stabilità si rafforza quando il numero di elettroni presenti nell’ultimo livello di un atomo è pari a otto, come avviene nei gas nobili. Quando ciò accade e gli elettroni attorno al nucleo sono caricati negativamente mentre i protoni nel nucleo sono positivi, si crea una giunzione in cui il nucleo è più stabile e gli elettroni sono tenuti tra i nuclei degli atomi legati e la causa è attratta. per ognuno.

Tipi di legami chimici

Legame covalente

Questi sono legami tra atomi non metallici simili e vicini nella tavola periodica., che condividono gli elettroni e danno origine a molecole mononucleari senza differenza elettronegativa; o tra atomi dello stesso elemento, che formano molecole biatomiche.

Esistono diversi tipi di legami covalenti:

Il legame covalente polare È nel mezzo di un legame covalente e di un legame ionico. Si forma tra atomi diversi che hanno elettronegatività molto diverse; la molecola è neutra, ma poiché non c’è simmetria tra le cariche elettriche, c’è polarità: un’estremità è elettropositiva e l’altra è elettronegativa.

Inoltre, i legami covalenti possono essere singola, doppia, tripla o quadrupla, a seconda di quante coppie di elettroni condividono. La differenza tra loro sta anche nel fatto che nei legami singoli gli atomi sono più distanti, quindi il legame è più debole, mentre più coppie di elettroni condividono, più vicini saranno gli atomi, il che rende i loro legami più forti e più energici. .

Articolo correlato  Cos'è l'irradiazione e a cosa serve

Come funzionano i collegamenti chimici

Il legami covalenti apolari, invece, si formano quando gli atomi sono uguali e il loro numero di ossidazione non cambia. In questi casi, gli atomi hanno una carica neutra.

legame ionico o elettrovalente

In questo caso, Il legame avviene tra atomi con una grande differenza di elettronegativitàin cui un elemento con più elettronegatività (catione) è attratto da un altro con meno elettronegatività (anione) e si scambiano elettroni: uno perde e l’altro guadagna.

legame covalente coordinato o dativo

È un tipo di legame in cui gli elettroni di legame provengono da uno solo degli atomi, chiamato donatore o base di Lewis. Tuttavia, la forma di sharetils è quasi la stessa del legame covalente. Questo concetto è usato raramente, come preferiscono i chimici la teoria degli orbitali molecolari.

Legami a uno e tre elettroni

Si verifica in specie radicaliche con elettroni dispari, come il catione idrogeno molecolare H2+. Quando si tratta di legami a un elettrone, vengono chiamatimezza telefonatapoiché hanno la metà dell’energia di un legame a 2 elettroni.

collegamenti flessibili

Sono un tipo di legame covalente che si verifica in molecole stressate o vincolate con orbitali di legame a forma di banana, motivo per cui sono spesso chiamati “link a banana”. Questo tipo di legame è più predisposto alle reazioni rispetto a quelli ordinari.

Legami 3c-2e e 3c-4e

Esistono due tipi di legami, uno tra tre centri e due elettroni (3c-2e) e un altro tra tre centri e quattro elettroni (3c-4e).

Il primo tipo ha 3 atomi che condividono due elettroni e si verifica in composti carenti di elettroni. Il secondo si verifica nelle molecole ipervalenti.

legame aromatico

Nei composti aromatici, i legami si verificano in anelli piatti di atomi la cui ulteriore stabilità è determinata dal Regola di Huckel. In questi composti, le posizioni degli elettroni non possono essere spiegate con linee per due elettroni o punti per uno.

Articolo correlato  Come funzionano i motori molecolari

In molti casi, la posizione degli elettroni non può essere semplificata in semplici linee (posizione per due elettroni) o punti (un singolo elettrone). Nei composti aromatici, legami che si trovano in anelli planari di atomi, la regola di Hückel determina se la molecola dell’anello mostrerà stabilità aggiuntiva.

collegamento metallico

In questo caso, gli elettroni di legame si trovano in un reticolo di atomi a differenza dei composti ionici, dove la posizione è statica e la loro forma è più compatta. Questo libero movimento di elettroni o delocalizzazione è ciò che consente ai metalli di avere conducibilità, duttilità e durezza.

    Trova ulteriori informazioni in questo video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto