Cos’è l’hashrate e come viene calcolato

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Cos’è l’hashrate e come viene calcolato.

Per molti, le criptovalute sono il futuro dell’economia e sempre più persone sono interessate a conoscere e investire in risorse digitali. Ci sono diversi modi per entrare a pieno titolo nel mondo delle criptovalute, come fare trading a livello professionale o diventare minatore di una delle monete più popolari.

Quest’ultima opzione è diventata molto popolare perché, se si dispone della giusta attrezzatura, è possibile generare reddito da casa dopo aver effettuato un investimento contenuto. Rigstronix ci dice tutto ciò che devi sapere per iniziare il mining.

Cos’è il mining di criptovalute?

Le criptovalute sono un tipo di risorsa digitale decentralizzata, il che significa che non sono controllate da una banca o da un’entità pubblica o privata, ma utilizzano invece un sistema di crittografia che mantiene ciascuna delle reti sicura e affidabile. Questo sistema è noto come Blockchain o catena di blocchi e funziona come un libro mastro totalmente pubblico, in cui vengono registrate ciascuna delle transazioni effettuate con una valuta.

Ogni moneta ha la sua Blockchain e una comunità di minatori incaricata di registrare le operazioni nel libro mastro. Fondamentalmente, il mining di criptovaluta riguarda il software di risoluzione dei problemi matematici che funziona con un’elevata potenza di calcolo, verificando e salvando le transazioni come blocchi su una catena. Esistono software diversi per ogni valuta, ma la maggior parte funziona in modo abbastanza simile.

La potenza necessaria per eseguire il mining è nota come “hash” e più hash hai, maggiori sono le possibilità di registrare un blocco e quindi ottenere una ricompensa nella stessa valuta che viene minata.

Articolo correlato  Che cos'è l'energia chimica e a cosa serve?

Cos’è l’hash rate?

Un hash è un codice di numeri e lettere generato casualmente utilizzando diversi metodi di crittografia. Circa ogni 10 minuti, ogni criptovaluta pubblica un hash che rappresenta una nuova transazione. Utilizzando software specializzati per risolvere problemi matematici, i minatori competono per trovare un codice o un hash uguale o inferiore all’hash pubblicato. Chi lo trova per primo avrà la possibilità di verificare e registrare il nuovo blocco sulla rete.

Ci vuole un’enorme potenza di calcolo per trovare l’hash target attraverso il processo di prova del lavoro e registrare una nuova transazione. L’hashrate è la metrica che indica la capacità combinata di tutte le apparecchiature di mining su una blockchain e permette di conoscere il livello di sicurezza contro gli attacchi degli hacker.

Cos'è l'hashrate e come viene calcolato

Per questo motivo l’hashrate è indicativo della stabilità e sicurezza complessiva di una moneta, in quanto per attaccare una rete è necessario superare il numero di hashrate della blockchain; Ciò significa che attaccare grandi monete come Bitcoin o Ethereum è praticamente impossibile.

Puoi anche misurare l’hashrate di un mining pool e persino di una singola macchina per scoprire la potenza di elaborazione e con essa la possibilità di essere il primo a trovare l’hash di destinazione. Maggiore è l’hash di un mining rig, maggiore è la possibilità di ottenere l’hash corretto e ottenere la ricompensa per la registrazione di un nuovo blocco sulla catena.

Come viene calcolato l’hashrate?

Ogni tipo di anello di mining ha il proprio hashrate ed è essenziale conoscerlo per conoscere il proprio livello di redditività quando si eseguono funzioni di mining e hashing. La potenza hash viene misurata in Hertz al secondo, ovvero il numero di processi che il computer può eseguire in ogni secondo. Può essere Megahertz (MHz), Gigahertz (GHz) e TeraHertz (THz) a seconda della capacità.

Articolo correlato  Cos'è la torsione e a cosa serve

Per calcolare l’hashrate di un mining rig fatto in casa, ci sono un gran numero di software e piattaforme online che ti permettono di farlo con un solo clic. È inoltre importante consultare quando si acquistano apparecchiature GPU, CPU o ASIC per scoprire la potenza di elaborazione e calcolare la redditività del dispositivo.

    Guarda il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto