Che cos’è un sistema di sospensione rigido e semirigido e a cosa serve?

In questa sezione del nostro blog ProgettoSani ti portiamo informazioni su: Che cos’è un sistema di sospensione rigido e semirigido e a cosa serve?.

In questo articolo vedremo due dei sistemi di smorzamento utilizzati in industria automobilistica.

Cos’è la sospensione rigida?

Nei sistemi di sospensione rigidi, la sospensione di una delle ruote è collegata all’altra tramite un assale rigido. In questo modo le vibrazioni e le oscillazioni di una ruota vengono trasmesse all’altra.

Cos’è la sospensione semirigida

La sospensione semirigida è simile alla precedente nella posizione delle ruote, dell’assale e della trasmissione, ma il peso della sospensione è inferiore, il che le conferisce un po’ più labilità e meno rigidità rispetto all’altro tipo di sospensione.

Come funziona la sospensione rigida e quali sono le sue parti

Questo tipo di sospensione Le sue ruote sono fissate ad un asse rigido., trasmettendo le vibrazioni da una ruota all’altra. È costituito da:

  1. Meccanismo differenziale: Si trova all’interno della scatola ed è ciò che permette alle ruote di girare a velocità diverse, come abbiamo visto nell’articolo su come funziona il differenziali.
  2. Bestie: Sono parti che permettono all’asse rigido di toccare il telaio, funzionano anche come parte elastica per trasmettere le oscillazioni.
  3. flauti o trombe: Sono quelli che contengono i cuscinetti delle sospensioni.
  4. ammortizzatore: Riceve e ammortizza l’energia di avviamento e frena sugli assi del veicolo.

Come funziona la sospensione semirigida e quali sono le sue parti:

Le sospensioni semirigide trasmettono parzialmente le oscillazioni che ricevono quando la ruota colpisce il suolo, in gran parte a causa del peso della sospensione. Ciò significa che non è completamente rigido, ma non è nemmeno una sospensione indipendente. Le parti di un sospensorio semirigido standard sono le seguenti:

  1. Supporti articolati: Sono quelli che collegano le ruote all’ammortizzatore.
  2. gruppo differenziale: Come nell’altro tipo di sospensione, il meccanismo è ciò che permette la rotazione delle ruote con il relativo differenziale di velocità.
  3. Cattivo: È una parte che svolge un’azione di ancoraggio rigido sulle due ruote, per consentire lo scorrimento longitudinale della sospensione.
  4. Moli: E’ di tipo elicoidale, un tassello elastico per definire i movimenti longitudinali.
Articolo correlato  Come funziona un elettroscopio e a cosa serve

Caratteristiche della sospensione rigida e della sospensione semirigida

Questi due sistemi di sospensione sono il più utilizzato nelle auto piccole e più piccole, per uso domestico. Inoltre, rispetto alle sospensioni indipendenti, pneumatiche ed elettroniche, la spesa e i costi di installazione sono molto più elevati. Sono anche meno complessi delle nuove sospensioni e della tecnologia più semplice. La manutenzione deve essere effettuata periodicamente per ogni tipo di sospensione, poiché questo è ciò che determinerà la sua durata.

Manutenzione sospensioni rigide e sospensioni semirigide

La manutenzione delle sospensioni è essenziale, poiché i suoi guasti influiscono sugli ammortizzatori e modificano gli angoli di sospensione, il che può portare a un grave incidente, nel peggiore dei casi.

Che cos'è un sistema di sospensione rigido e semirigido e a cosa serve?

Per mantenere correttamente queste parti, questo settore dell’auto deve essere controllato dopo aver percorso più di trentamila chilometri, poiché la sua vita è ogni cinquanta o sessantamila chilometri.

    Trova ulteriori informazioni in questo video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto