Che cos’è un carrello elevatore e a cosa serve?

Bene, siamo lieti di vederti qui, nell’articolo troverai: Che cos’è un carrello elevatore e a cosa serve?.

Questo articolo si occuperà di i carrelli elevatori, conosciuto anche come carrelli elevatori, anche se non le comuni carriole utilizzate nella costruzione.

Che cos’è un carrello elevatore o carrello elevatore?

Il carrello elevatore è un veicolo a contrappeso posteriore accompagnato da due forche, utilizzato nell’industria in genere per il carico, lo scarico, il trasporto, il sollevamento o l’abbassamento di pallet e contenitori di ogni tipo.

Esistono diversi modelli di carrelli elevatori, ma tutti svolgono la stessa funzione: Il supporto e il trasporto mediante la parte anteriore dell’assale del veicolo, così come la possibilità del suo movimento verso il basso e verso l’alto attraverso il dispositivo di sollevamento, come pulegge o imbracature.

Tipi di carrelli elevatori o carrelli elevatori

A seconda delle esigenze di trasporto richieste dal carico, il carrello elevatore può essere di uno di questi tipi, elettrico o con pompa a scoppio, a seconda dei casi:

Carrelli controbilanciati o carrelli elevatori

È il modello più utilizzato e comune a livello globale. Questa tipologia ha quattro ruote e le forche sporgono dalla parte anteriore del veicolo e può trasportare diversi tipi di carico, con grande supporto in termini di tonnellate da movimentare, sollevare o abbassare.

I carrelli elevatori di questo tipo possono essere

  • Termiche del motore diesel: Il suo utilizzo è consigliato all’aperto.
  • Riscaldatori a gas propano: Consigliato per uso interno e per uso misto.
  • elettrico: Il suo utilizzo è preferibilmente limitato all’interno e, se utilizzato all’aperto, non dovrebbero esserci superfici bagnate o condizioni di pioggia.

Carriole o carrelli elevatori a 3 ruote

Hanno la stessa funzione del modello precedente, ma Hanno solo una ruota posteriore. Questo carrello elevatore è utilizzato per carichi leggeri A suo favore, ha una maggiore manovrabilità perché ha una sola ruota su uno dei suoi assi, motivo per cui è consigliato per lavorare in spazi ristretti.

Che cos'è un carrello elevatore e a cosa serve?
Articolo correlato  Che cos'è una turbina eolica e a cosa serve?

Carrelli elevatori o retrattili

avere un grande manovrabilità e avere un’altezza massima di sollevamento, offrendo così la possibilità di raggiungere distanze diverse grazie a ciò. Il suo utilizzo è consigliato nei magazzini, in quanto sono generalmente ambienti alti e stretti.

transpallet manuali

questi carrelli elevatori Non hanno un motore e non richiedono un operatore registrato. per il tuo uso. Tuttavia, la persona che lo trasporta può trasportare fino a 3.500 kg di peso. È massicciamente utilizzato in magazzini, mercati e industrie di ogni tipo.

transpallet elettrici

Funzionano in modo simile a quelli manuali, ma il sollevamento e il carico in questo caso viene effettuato da a motore elettrico incorporato nella macchina.

Come funziona un carrello elevatore o carrello elevatore

Vedremo il normale funzionamento di a tipo standard carrello elevatore, indipendentemente dal fatto che si tratti di batteria o carburante. Questi modelli hanno il contrappeso nella parte posteriore e basano il loro funzionamento su a sistema idraulico, che è attaccato alla parte anteriore ed è chi esegue il lavoro della macchina.

La leva che l’operatore aziona è dove viene dato l’ordine al sistema idraulico di generare lavoro nel trasporto del materiale. In questo modo viene regolato il passaggio dell’olio attraverso il sistema idraulico, determinando la salita o la discesa delle lame.

Anche la sezione di sollevamento è azionata con leve, che muovono le forche per poter prelevare e movimentare il carico in modo efficiente e sicuro. In questo modo, grazie al contrappeso offerto dal carrello elevatore, l’operatore può attivare con successo l’impianto idraulico e utilizzare la macchina in condizioni ottimali.

Parti di un carrello elevatore o carrello elevatore

  • Cabina: È la sezione che contiene l’operatore.
  • Serbatoio di carburante: Nel caso in cui si tratti di un macchinario a combustibile, il serbatoio immagazzinerà la sostanza al suo interno. Se è elettrico, avrà una batteria.
  • Contrappeso: Si tratta di una struttura in ferro battuto che funge da contrappeso ai carichi da sollevare.
  • Telaio: È la struttura che copre il motore e le altre parti meccaniche del carrello elevatore.
  • Assi: Queste sono le coppie di ruote che ha la macchina. L’asse posteriore è noto come asse sterzante e gli assali anteriori come assi motore poiché il primo o i primi forniscono lo sterzo al carrello elevatore e quelli anteriori forniscono trazione per spostare il carico in una certa direzione.
  • Forchette: Ci sono due pallet metallici, responsabili della tenuta dei pallet o dei carichi.
  • Carrello a forche: Come suggerisce il nome, è costruito per l’attacco delle forche.
  • Cilindro idraulico: L’olio scorre attraverso di esso e viene eseguita la potenza idraulica per il sollevamento e il trasporto di carichi.
  • Albero: È la struttura attraverso la quale il carrello elevatore compie il suo movimento verticale verso il basso o verso l’alto.
Articolo correlato  Come funziona un frigorifero e a cosa serve

All’interno della cabina abbiamo le seguenti parti:

  • Posto a sedere: Ergonomico e regolabile, è dotato di cintura di sicurezza per l’operatore.
  • Leve idrauliche: Attraverso di loro viene attivata la forza idraulica.
  • Freni e acceleratore: Progettato per azionare la parte meccanica del carrello elevatore.
  • volante: Progettato per dare direzione alla macchina.
  • Luci: Attivano le luci del rig per avvisare del movimento, ad esempio, all’indietro.

Caratteristiche di carrelli elevatori o carrelli elevatori

  • Possono essere a motore elettrico, diesel, a combustione interna o alimentati a gas di petrolio liquefatto.
  • A causa del grande inquinamento acustico che possono causare, l’uso di carrello elevatore elettrico in piccoli spazi, in quanto generano meno rumore.
  • Per la sicurezza dell’operatore e dell’area in cui viene utilizzato il macchinario, il carrello elevatore può avere sistemi di rilevamento pedoni, siano essi sensori di prossimità, ultrasuoni o radiofrequenza.
  • La manutenzione del carrello elevatore è fondamentale, in quanto il danno può mettere a rischio il lavoratore. Solitamente vengono effettuate diverse tipologie di manutenzioni, da quelle preventive a quelle programmate, fino a quelle straordinarie o predittive in caso di ipotesi o presa in carico di eventuali danni o riparazioni del veicolo.

    Trova ulteriori informazioni in questo video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto