Quali sono le leggi chimiche termochimiche e a cosa servono

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Quali sono le leggi chimiche termochimiche e a cosa servono.

Il termochimica È la branca della chimica che studia l’energia rilasciata o assorbita durante le trasformazioni che la materia subisce durante le reazioni chimiche.

Tipi di reazioni chimiche

A seconda di come agisce il calore, le reazioni chimiche possono essere:

  • Endotermico: quando assorbe il calore esterno. N2 + O2 + CALORE = 2 NO
  • esotermico: quando cedono calore all’ambiente in cui sono prodotti. C + O2 = CO2 + CALORE

La quantità di calore rilasciata o assorbita da queste reazioni può essere calcolata con la seguente equazione: Q = m . c. Dvoi ragazzi

In questo caso, Q simboleggia la quantità di calore rilasciata, che viene misurata joule o calorie rilasciate. La m simboleggia la massa della sostanza che assorbe o emette calore. c è il calore specifico della sostanza. Infine, Δt è la variazione di temperatura.

L’equivalenza tra joule e calorie è: 1 cal = 4,18 J

Tuttavia, va chiarito che, poiché la quantità di calore coinvolta in una reazione chimica è generalmente elevata, il più comune è utilizzare kilocalorie e kilojoule, la cui equivalenza è: 1kcal = 1000 cal / 1 KJ = 1000 J

fonte di calore

Ora, sicuramente vi sarete chiesti da dove provenga il calore che si sprigiona nelle reazioni, ad esempio dalla combustione della legna.

Quali sono le leggi chimiche termochimiche e a cosa servono

Bene, tutte le specie chimiche hanno una porzione di energia chiamata entalpia (H) se misurato a pressione costante. Tuttavia, non possiamo calcolare l’entalpia di un sistema, quindi è necessario calcolare la sua variazione o ΔH come segue:

DH = H finale – H iniziale

Nei processi endotermici, ΔH > 0 mentre nei processi endotermici ΔH < 0. Che è rappresentato graficamente in questo modo:

Articolo correlato  Cos'è la viscosità e quali sono le sue caratteristiche

Processi esotermici:

Processi endotermici:

Fattori che influenzano l’entalpia delle reazioni

Ci sono diversi fattori che influenzano l’entalpia dei rapporti. Vediamo cosa sono e come lo fanno.

Quantità di specie chimiche:

La quantità di valore coinvolta in una reazione chimica dipende dalle quantità di reagenti e prodotti.

Il valore della variazione di entalpia accanto all’equazione chimica sono le quantità espresse in talpe. Quindi, in questo esempio si vede che 2 moli di H2(g) reagiscono con 1 mole di O2(g), producendo 2 moli di H2O(l) con un rilascio di 572 kJ.

Se dividiamo tutti i coefficienti per 2, anche la variazione di entalpia sarà divisa per 2.

Stato fisico dei reagenti e dei prodotti

Che è rappresentato graficamente come segue:

stato allotropico

Lo stato allotropico della sostanza influenza l’entalpia della reazione in modo tale che la forma allotropica che ha più entalpia è più relativa, mentre quelle con entalpia inferiore sono più stabili.

Le forme allotropiche delle sostanze più comuni sono: zolfo romboidale (più stabile) e monoclino; fosforo rosso (più stabile) e fosforo bianco; ossigeno (più stabile) e ozono; e grafite (più stabile) e diamante.

In questo esempio, vediamo che il diamante ha un accumulo di entalpia maggiore rispetto alla grafite.

equazione termochimica

È l’equazione chimica che comprende la variazione di entalpia della reazione, gli stati fisici delle sostanze e le condizioni di temperatura e pressione in cui avviene.

Dovrebbe essere chiaro anche questo se l’equazione termochimica è endotermica in una direzione, sarà esotermica nella direzione opposta. E se i valori di pressione e temperatura non sono chiari, significa che corrispondono alle condizioni ambientali.

    Non perdetevi il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto