Cos’è un motore a benzina e a cosa serve?

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Cos’è un motore a benzina e a cosa serve?.

UN motore a gasolio Si tratta di un motore a combustione interna (motore termico) che funziona a ciclo Otto e funziona ovviamente a benzina; Si caratterizza per essere un motore agile, potente e con una coppia ridotta rispetto ai motori diesel.

E’ un motore termico che prende l’energia chimica del combustibile e la converte in energia meccanica; La combustione si genera all’interno dei cilindri, i gas aumentano la pressione e fanno muovere i pistoni e, con i pistoni, l’albero motore.

Motori a benzina nella storia

La distillazione frazionata del petrolio permette di ottenere la benzina, un combustibile scoperto nel 1857. Poi, nel 1860, fu creato il primo motore a combustione interna che funzionava bruciando gas all’interno di un cilindro. Ma fu nel 1876 che fu costruito il primo motore a benzina della storia Nicolò Augusto Otto. Era un motore a quattro tempi e fu la base per i successivi motori a combustione interna.

Infine, nel 1885, Carlo Benz ha iniziato a utilizzare motori a benzina nelle concept car. Attualmente ci sono motori che funzionano con altri combustibili, come etanolo, gas di petrolio liquefatto, gas compresso, ecc.

Come funzionano i motori a benzina a quattro tempi?

I motori a combustione interna a benzina hanno motori a due o quattro tempi.. Questi ultimi sono quelli comunemente usati nelle automobili e per quando è necessario un motore fermo; In ciascuno dei cilindri accade la stessa cosa che negli altri.

I motori a benzina, quando lavorano sotto il ciclo Otto, hanno 4 carriere che sono:

  1. AMMISSIONE: Quando inizia questo tempo, il pistone si trova al punto morto superiore o PMS. In questo istante si apre la valvola di aspirazione e il pistone crea il vuoto all’interno della camera di combustione. Aiutato dal motore o dall’inerzia fornita dal volano, il pistone raggiunge il punto morto inferiore o BDC. Il vuoto creato dal pistone durante questo tempo fa sì che la miscela aria/carburante entri nel cilindro attraverso la valvola di aspirazione, che è aperta.
  2. COMPRESSIONE: Quando il pistone raggiunge il punto morto inferiore, l’albero a camme chiude la valvola. L’albero a camme ruota in sincronia con l’albero motore ed è ciò che ha tenuto aperta la valvola fino ad ora. Ora il cilindro inizia a salire provocando la compressione della miscela di carburante all’interno.
  3. ESPLOSO: Una volta che il cilindro raggiunge il punto morto superiore e la miscela di carburante raggiunge la massima compressione, una scintilla elettrica salta attraverso l’elettrodo della candela per accendere la miscela e farla esplodere. La pressione dell’esplosione spinge il pistone verso il basso. Questo movimento lineare viene trasmesso attraverso il Biella verso l’albero motore, rendendolo un utile lavoro rotante.
  4. SCARICO: Ora il cilindro è tornato al suo PMI dopo l’esplosione, ma inizia il suo ritorno verso l’alto. L’albero a camme è stato mantenuto in rotazione in sincronia con l’albero motore. Aprire la valvola di scarico per far uscire i gas che si sono accumulati nella bombola a seguito dell’esplosione. I gas vengono sollevati dal movimento verso l’alto del pistone, passano attraverso la valvola di scarico e vengono espulsi nell’atmosfera attraverso un tubo che si collega al collettore di scarico. In questo modo il motore a quattro tempi è completato. Continueranno a girare ininterrottamente su ciascun cilindro del motore, fino a quando non si fermerà e cesserà il suo funzionamento.
Articolo correlato  Che cos'è l'energia cinetica e a cosa serve?

Caratteristiche dei motori a benzina

  • Leggero – Rispetto al motore diesel, è un motore leggero e anche leggero nel funzionamento; Può essere di 350 kg, contro i 500-600 kg di un motore diesel delle stesse dimensioni.
  • Buona reazione, risposta, recupero – Motore elastico, buone prestazioni, buone prestazioni.
  • Funziona nella gamma di giri più alta – In condizioni normali, e con rischio di rottura, nei veicoli può lavorare a 8000 giri; un motore diesel non supera i 5000.
  • poca coppia – Almeno rispetto a motori di cilindrata simile, nella versione diesel.
  • Consumo – Poiché la benzina è più raffinata, più liquefatta e con un potenziale energetico inferiore, il consumo di benzina è generalmente superiore a quello del diesel.

Struttura dei motori a benzina

  • Culo: È un pezzo in ghisa (in alcuni motori può essere in alluminio), che si trova nella parte superiore del blocco motore. La funzione della testata è quella di sigillare la parte superiore dei cilindri, impedendo la perdita di compressione e l’indebita fuoriuscita dei gas di scarico. Le valvole di aspirazione e di scarico si trovano nella testata, così come le candele. Dispone inoltre di due canali interni: colui che connette collettore di aspirazioneche permette all’aria/carburante di entrare nella camera di accensione del cilindro, e un altro che unisce il collettore di scarico per consentire lo smaltimento nell’ambiente dei gas, prodotti della combustione. Esistono altri condotti che servono a trasportare il refrigerante per mantenere la temperatura. La testata è saldamente fissata al blocco motore mediante bulloni. Per garantire che ci sia una chiusura ermetica con il blocco, a consiglio di culto tra le due parti. Questa unione è fatta di un materiale flessibile ma resistente al calore come l’amianto.
  • Bloccare: Nel monoblocco sono alloggiati i cilindri con le rispettive camicie, cavità all’interno delle quali si muovono i pistoni o cuore del motore. Il numero di cilindri in un motore varia, così come il modo in cui sono disposti nel monoblocco. Esistono motori a uno o più cilindri, anche se quasi tutte le auto utilizzano motori a 4, 5, 6, 8 e 12 cilindri. Alcune piccole auto possono avere solo 3 cilindri.
  • Carter motore: È il compartimento in cui viene immagazzinato l’olio che lubrifica l’albero motore, il treno valvole, i pistoni e altri meccanismi. Mentre il motore è in funzione, a pompa dell’olio È responsabile dell’estrazione del fluido dal basamento e della sua trasmissione ai componenti e ai meccanismi che necessitano di lubrificazione. Alcuni motori non utilizzano una pompa dell’olio, ma lo stesso albero motore che, parzialmente immerso nell’olio, lubrifica le strutture tramite spruzzi.
Articolo correlato  Che cos'è un sistema di sterzo e a cosa serve?

Disposizioni dei cilindri nel blocco motore

Il blocco deve essere rigido, piccolo e leggero, tenendo conto della potenza che deve essere sviluppata. Le disposizioni più comuni sono:

Cos'è un motore a benzina e a cosa serve?
  1. In linea: Hanno un’unica fila di 3, 4, 5 o 6 cilindri.
  2. In V”: I cilindri sono disposti in doppia fila. Possono essere a 6, 8, 10 o 12 cilindri.
  3. Piano con cilindri contrapposti: Questa disposizione è meno utilizzata nei motori a benzina, ma si può trovare con 4, 6 e anche 12 cilindri; Si chiamano Boxer.

Parti del motore a ciclo Otto

  • Albero motore: Si tratta di un insieme di piccole manovelle, ogni pistone ne contiene una, la cui funzione è quella di trasformare il movimento rettilineo in movimento circolare o rotatorio. Si trova nel blocco motore.
  • cilindri: Sono i fori attraverso i quali i pistoni si muovono lungo il loro percorso. La capacità utile o il volume interno dell’orifizio è ciò che viene chiamato Dislocamento ed è espresso in centimetri cubi.
  • Carburatore: Perché avvenga la combustione, la benzina deve essere miscelata con l’aria nei cilindri. Senza la presenza di ossigeno, l’accensione non può avvenire. L’ossigeno viene dall’aria e il carburatore è incaricato di produrre la miscela. Lo fa in un rapporto di 1:10.000, cioè una parte di carburante per 10.000 di aria.
    Poiché l’aria porta impurità, è necessario che il filtro dell’aria le trattenga prima di entrare nei cilindri. Il filtro dell’aria Si trova sopra il carburatore. Tuttavia, i motori che hanno meccanismo di iniezione Non usano un carburatore, ma spruzzano la benzina nel cilindro attraverso iniettori elettronici. La pompa del carburante è responsabile dell’invio di carburante al serbatoio del carburatore o agli iniettori quando si preme il pedale.
  • Albero di trasmissione: È un meccanismo formato da un albero che ha diverse camme. Le telecamere sono quelle che premono le valvole per farle aprire o chiudere, a seconda della durata del motore. Il banchine Sono responsabili di mantenere chiuse le valvole. Quando la camma si stringe, il la valvola si apre.
  • Distributore: È lei che distribuisce la scintilla alle quattro candele, inviando la tensione necessaria perché la scintilla salti. La scintilla fa esplodere la miscela di carburante all’interno del cilindro al momento dell’esplosione.
  • Motore di avviamento: È un motore elettrico che mobilita i pistoni per avviare il motore. Il motore raccoglie l’energia all’interno della batteria e viene utilizzata solo per avviare il motore; Fa parte del sistema di accensione.
  • Refrigerazione: Quando l’aria entra dalla parte anteriore dell’auto, cioè dal motore, un ventilatore si raffredda. Questo refrigerante è un complemento al sistema di lubrificazione ad olio. Consente di mantenere fresche le canne dei cilindri.
  • filtro dell’olio d’oliva: Il filtro dell’olio è responsabile della separazione e della raccolta delle impurità che compaiono nell’olio.
    Articolo correlato  Cos'è la tecnologia wireless e a cosa serve

    Guarda il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto