Cos’è il controllo di stabilità e a cosa serve?

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Cos’è il controllo di stabilità e a cosa serve?.

Il Controllo di stabilitàqualunque PERè un sistema di sicurezza attiva che controlla elettronicamente la potenza e la traiettoria del veicolo (controllando fino a 25 volte al secondo tramite sensori) e se non corrisponde alla manovra del guidatore, effettua le regolazioni necessarie per evitare sbandate o deviazioni.

Secondo EuroNCAP, il 40% degli incidenti stradali mortali sono dovuti a sbandate e, di questi, L’80% potrebbe essere evitato usando l’ESP. Per la sua efficienza, questo sistema è al secondo posto tra i sistemi di sicurezza automobilistici, secondo solo alla cintura di sicurezza. Impariamo di più su come funziona.

Semplice funzionamento dell’ESP – In entrambi i casi si ha una manovra accelerata, con ESP attivato si torna velocemente alla traiettoria originaria, con ESP disattivato si ha uno sbandamento e si perde completamente il controllo.

Che cos’è il controllo di stabilità (ESP)?

Il Controllo della stabilità (ESP) è un sistema sviluppato da Bosch, anche se noto anche come Esc, VCC si DSC. La sua funzione è quella di controllare e confrontare costantemente la traiettoria e le reali prestazioni del veicolo, con l’ideale del guidatore; in caso di differenza tra i due (es. sbandata), l’ESP adeguerà i parametri per recuperare la traiettoria ideale ed evitare così incidenti.

Lo slittamento può verificarsi davanti, dietro o entrambi. In ogni caso, questo sistema agirà di conseguenza, riportando l’auto in traiettoria, a patto che non vengano superati i limiti fisici.

L’ESP lavora insieme al sistema frenante (che comprende parti meccaniche o sottosistemi come i freni ABS), al motore (se necessita di più o meno potenza in un dato momento), al cambio (se è automatico, per ottenere prestazioni migliori ) e con altri sistemi di sicurezza automobilistica (come Traction Control (ASR) o altri).

Articolo correlato  Cosa sono i sistemi di riscaldamento per veicoli e a cosa servono?

Prova ESC (Ford ESP) acceso Ford Ranger 2019 – Prestazioni ottimali.

Cos'è il controllo di stabilità e a cosa serve?

Un chiaro esempio di come funziona l’ESP è quello di frenare singolarmente le gomme quando determina che c’è una situazione di pericolo, circostanza che può verificarsi quando il veicolo non si comporta secondo l’ordine che il volante riceve dal guidatore.

Origine dell’ESP

Questo sistema di sicurezza attiva è stato sviluppato nel 1995 da Boschcollaborando con il marchio automobilistico Mercedesbenz. È stato introdotto sul mercato nel modello Mercedes-Benz Classe S con il nome commerciale programma elettronico di stabilità (programma Elektronisches Stabilitäts in tedesco).

L’ESP ha nomi diversi a seconda del produttore delle vetture su cui è installato; anche se i nomi cambiano, il meccanismo è lo stesso. Alcuni dei nomi sono:

  • vveicolo d.dinamico C.controllo (VCC);
  • d.dinamico Sstabilità C.controllo (DSC);
  • Eelettronico Sstabilità C.controllo (Esc);
  • vveicolo Sstabilità C.controllo (VSC).

Confronto ESP disabilitato e ESP abilitato

ESP disattivato – Il veicolo effettua una manovra brusca, quasi tornando in traiettoria, ma la differenza di coppia gli ha fatto continuare a girare. Ha perso completamente il controllo del mezzo.

ESP attivato – Nelle stesse condizioni, e nella stessa manovra, il veicolo è in grado di riprendere la traiettoria originaria, senza provocare alcun tipo di incidente o perdita di controllo. La traiettoria del veicolo viene mantenuta con successo.

Come funziona il controllo di stabilità?

Il controllo di stabilità funziona frenando individualmente gli pneumatici nei momenti di pericolo per evitare che l’auto sbandi o sovrasterzi..

Il suo funzionamento si basa su: L’azionamento di alcuni attuatori che si trovano nell’impianto frenante, nei sensori che captano le informazioni e nella centralina elettronica o ECU che assimila i dati e poi impartisce l’ordine.

Articolo correlato  Cos'è la domotica e a cosa serve

Il ECU confronta i dati raccolti dai sensori a una velocità di venticinque volte al secondo. Se rileva in qualsiasi momento che la direzione del volante non corrisponde alla traiettoria della vettura, l’ESP interviene. Le informazioni raccolte dall’UCE provengono dal sensore dell’angolo di sterzata che indica il movimento del volante dai sensori comuni all’ABS.

Infine, i sensori che rilevano l’angolo di rotazione e l’accelerazione laterale inviano dati sulla traiettoria effettiva della vettura. Con tutte le informazioni in mano, l’ECU valuta la situazione e, se necessario, frena adeguatamente una o più ruote in modo che l’auto riprenda la sua traiettoria.

Il prossimo video, in inglesemostraci come funziona il sistema Bosch-ESP, con esempi e situazioni reali. Spiega che l’ESP è in grado di controllare il sistema frenante, la potenza del motore e persino la trasmissione, se necessario.

Sistema BOSCH ENG cercando di evitare sovrasterzo e sottosterzo.

Parti del controllo di stabilità

Il controllo di stabilità comprende l’unità di controllo elettronico (ECU), gli attuatori che si trovano nel sistema frenante e un gruppo di sensori. Quest’ultimo può essere:

  • Sensore dell’angolo di sterzata: Informa il piantone dello sterzo di qualsiasi movimento del volante.
  • sensori di velocità di rotazione: Sono comuni al sistema ABS. Posti ai bordi, possono segnalare eventuali intasamenti.
  • Angolo di imbardata e sensore di accelerazione laterale: Indica il vero comportamento della vettura.

Una volta che l’ESP interviene, il guidatore deve solo segnare il percorso da seguire affinché il sistema rilevi e interpreti correttamente le circostanze.

Importanza del controllo della stabilità

L’importanza dell’ESP risiede nella protezione che offre quando si soffre di mancanza di aderenza o di slittamento delle gomme. Questo sistema corregge il percorso dell’auto se non è adatto, inoltre fa andare l’auto dove gli viene detto. Corregge sovrasterzo e sottosterzo, non miracolosamente, ma seguendo le leggi della fisica.

Articolo correlato  Che cos'è un sistema di pulegge e a cosa serve?

Se sei in curva e con il volante tirato dici all’auto di girare “tanti” gradi, ma l’auto non fa e gira meno. In questo caso l’ESP riconosce che le ruote sono sottosterzanti. Ma se l’auto gira ulteriormente, il sistema riconosce che stanno sovrasterzando. In quel preciso momento, l’ESP interverrà per correggere la traiettoria attraverso la frenata selettiva delle ruote.

Raccomandazioni per l’utilizzo del controllo di stabilità

C’è un punto fondamentale che ogni guidatore dovrebbe tenere a mente: L’ESP farà tutto il possibile per far andare l’auto dove il guidatore le dice di andare..

In un’auto con ESP, il guidatore non dovrebbe fare nulla di straordinario, ma solo girare quanto basta per fare una svolta. Se guidi un’auto con controllo di stabilità, non devi fare nulla come pilota. Basta puntare delicatamente il volante dove vuoi andare.

Stability Control è un sistema sempre attento ad agire il più rapidamente possibile. Lo fa così velocemente da evitare incidenti, reagendo ancora più velocemente di un normale guidatore. Pertanto, il controllo di stabilità è diventato obbligatorio e non deve mai essere disattivato, per la sicurezza del conducente e degli altri sulla strada.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto