Cos’è l’accelerazione e a cosa serve

Come stai, oggi nel nostro post del blog vediamo: Cos’è l’accelerazione e a cosa serve.

Isacco Newton, Conosciuto come il padre della fisica moderna, fu il primo a studiare l’accelerazione proclamandola Un oggetto è in grado di mantenere il suo moto rettilineo uniforme (MRU) finché non ci sono forze che lo accelerano.

Da quanto precede segue che, Quando un corpo si muove nello spazio, la sua velocità non è mai la stessa, ma può aumentare mentre si muove.. Questo particolare fatto è chiamato, in fisica, accelerazione e da non confondere con la velocità (o velocità). Quest’ultimo termine si riferisce al “modulo velocità” del corpo in movimento. Quando questo modulo diminuisce, si parla di frenata.

Cos’è l’accelerazione?

L’accelerazione è quindi un tipo di quantità. proprio quello che indica i cambiamenti nella velocità di un oggetto in un periodo di tempo. Come la velocità, anche l’accelerazione ha una direzione specifica, quindi è una grandezza vettoriale.

Per esprimerlo in formule, viene utilizzato il segno (a). e l’unità media è calcolata in metri al secondo quadrato (m/s2).

Abbiamo detto che, secondo Newton, l’accelerazione si verifica quando su un oggetto agiscono delle forze che ne fanno aumentare o diminuire la velocità. È anche importante tenerne conto la direzione dell’accelerazione, che può essere positiva o negativa.

L’accelerazione sarà positiva quando l’oggetto si muove nella direzione positiva, e quindi la velocità aumenterà. D’altra parte, se l’oggetto si muove nella direzione negativa o perde velocità, l’accelerazione sarà negativa.

C’è anche il accelerazione misurata, che viene calcolato come media di tutte le accelerazioni subite da un oggetto in un dato tempo.

Articolo correlato  Qual è la temperatura e le sue caratteristiche

Cos'è l'accelerazione e a cosa serve

formula di accelerazione

In matematica, la formula per l’accelerazione è scritta come a = dv/dt. Dove (a) è l’accelerazione, (dv) significa “differenza di velocità”, mentre (dt) esprime il tempo in cui avviene l’accelerazione.

Questa formula significa che quando parliamo di meccanica classica, L’accelerazione è calcolata come la variazione della velocità di un corpo nel tempo.

Per dedurre le esatte variazioni di velocità e tempo, è possibile utilizzare le seguenti formule:

  • (dv = vf – vi) dove vf rappresenta la velocità finale, mentre vi è la velocità iniziale dell’oggetto in movimento. Da questa differenza deriva la direzione dell’accelerazione.
  • (dt = tf – ti) In questo caso sono rappresentati il ​​tempo finale e il tempo iniziale del movimento, dove il tempo iniziale è sempre 0s (zero secondi), se non diversamente indicato.
  • Infine, c’è una formula che esprime il La seconda legge di Newton, che afferma che “l’accelerazione di un oggetto è direttamente proporzionale alla forza che agisce su di esso e inversamente proporzionale alla sua massa”. questo è scritto (F = ma) e risolvendo per (a) si ottiene (a = F/m). In questo caso (F) è la forza applicata alla massa (m) dell’oggetto che ha l’accelerazione (a).

velocità e accelerazione

All’inizio di questo articolo abbiamo avvertito che l’accelerazione non deve essere confusa con la velocità, perché ciò che la velocità rivela è la distanza che un corpo percorre in un periodo di tempo. Questo si manifesta nell’unità di velocità che può essere metri al secondo (m/s) o chilometri all’ora (km/h) o simili.

L’accelerazione, invece, abbiamo detto che si esprime in metri su secondi quadrati (m/s2), perché è una variazione di velocità nell’unità di tempo.

Articolo correlato  Cos'è lo stato quantico e a cosa serve

accelerazione lineare

Tutto ciò che spieghiamo nell’articolo è valido per l’accelerazione lineare, cioè quando un oggetto si muove in linea retta, orizzontalmente come un’auto o verticalmente come un oggetto in caduta libera. In quest’ultimo caso si parla di Accellerazione Gravitazionale, che è influenzato dalla forza di attrazione generata dal nucleo terrestre verso tutti gli oggetti, è chiaro che stiamo parlando di gravità.

accelerazione in circolo

Ora pensiamo a cosa succede quando un oggetto si muove in cerchio, come una palla attaccata all’estremità di una corda che viene fatta girare.

Nell’esempio, la palla avrà a accelerazione costante, con la stessa direzione della corda che lo sostiene, ma, allo stesso tempo, diretto verso la mano del soggetto che lo muove. È di quest’ultimo che qui si parla accelerazione centripeta, poiché la forza che interviene è proprio la forza centripeta.

esempi di accelerazione

Quando spieghiamo l’accelerazione, intendiamo quanto velocemente un oggetto a riposo cambia la sua velocità. Prendiamo ad esempio un oggetto che, dopo essersi fermato, raggiunge una velocità di 20 km/h; in questo caso si dice che l’oggetto ha accelerato. Ora, se confrontiamo un cellulare che impiega 4 secondi per raggiungere quella velocità con un altro che impiega 6 secondi per raggiungere la stessa velocità; Concludiamo che il primo ha maggiore accelerazione.

Un tipico esempio di accelerazione è una pallina da golf colpita da una mazza. Se conosciamo la massa della palla e la forza che le dà il colpo, possiamo calcolare l’accelerazione.

L’accelerazione o la decelerazione negativa di un’auto può anche essere calcolata se conosciamo la sua velocità prima che inizi a frenare e il tempo necessario per ridurre tale velocità a zero.

Articolo correlato  Cos'è la polarità fisica e a cosa serve

Nel caso della caduta libera, pensiamo ad un vaso di fiori che cade da un balcone sulla strada. In questo caso, la velocità iniziale è zero, ma aumenterà a causa della gravità. fino alla massima velocità colpire il pavimento. Con quest’ultima misura (velocità finale) e il tempo impiegato dal vaso per cadere, otterremo l’accelerazione di gravità.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto