Cos’è gli stati della materia e a cosa serve

In questa sezione del nostro blog ProgettoSani ti portiamo informazioni su: Cos’è gli stati della materia e a cosa serve.

All’interno del pianeta Terra possiamo dettagliare che la materia acquisisce tre stati fondamentali: liquido, gassoso e solido. Al di fuori del nostro pianeta possiamo anche trovare materia sotto forma di plasma, specialmente nel sole e in diverse stelle. A seconda di ogni stato, le caratteristiche della materia variano tra fluidità, volume, resistenza, ecc.

I gas, come li conosciamo per esperienza, lo sono generalmente inodore e incolore Non hanno forma né volume. E più, le sue particelle sono disperse. Pertanto, i gas si espandono fino ad acquisire la forma di quello che li contiene. Ad esempio, alcuni gas che conosciamo nella nostra vita quotidiana sono il vapore acqueo, l’ossigeno e l’idrogeno, tra gli altri.

lo stato liquido non ha una forma specifica o definita, ma ha bisogno di un continente che gliene dia uno. Questo è dovuto a le sue molecole sono tenute insieme in modo più debole e meno ordinato rispetto al resto degli stati. Sono pochi gli elementi che mantengono il loro stato puramente liquido, come l’acqua, l’olio e il mercurio.

La materia liquida per eccellenza è l’acqua, ma altri esempi, anche se di diversa densità, possono essere il latte, l’olio e l’alcool.

La materia allo stato solido ha le caratteristiche di propria forma e volume, cioè, non hanno bisogno di un continente per mantenere il loro status. Grazie alle sue proprietà di densità e resistenza, non può essere compresso come le sue particelle sono unite attraverso una forza di grande entità.

Secondo la sua forma possiamo trovare solidi amorfi che, come indica il loro nome, non hanno una struttura ordinata, ma la loro forma è irregolare; si solidi cristallini che, per le loro caratteristiche geometriche, conservano a modo regolare.

Articolo correlato  Cos'è l'energia e a cosa serve?

Alcuni esempi di materia allo stato solido: carta, legno, plastica, cristalli, tra gli altri.

Cos'è gli stati della materia e a cosa serve

cambiamenti nella materia

Senza la necessità di modificarne la composizione, la materia può cambiare il suo stato di aggregazione, sottoponendola a processi diversi. In generale, puoi trovare due categorie che coprono le diverse modifiche: progressiva e regressiva.

cambiamenti progressivi

  • Evaporazione: Introducendo energia termica in un liquido, parte della massa totale viene trasformata in gas. È un processo graduale a seguito di un aumento della temperatura. Questo può essere osservato quando l’acqua evapora in una pozzanghera prodotta dalla pioggia.
  • Vaporizzazione: Complementare all’evaporazione, è un processo fisico che consente il passaggio di un liquido allo stato gassoso attraverso la massa. Quando il liquido raggiunge una certa temperatura, cioè raggiunge la punto di ebollizione, Comincia a trasformarsi in un gas. Possiamo osservarlo nel processo di formazione delle nuvole, che, quando l’acqua evapora dalla superficie terrestre, dà origine a diverse classificazioni di nuvole.
  • Fusione: Questo processo permette il passaggio dallo stato solido allo stato liquido. Questo è possibile perché il solido, quando raggiunge il punto di fusione, cioè, alla temperatura necessaria per fondere, fa muovere le sue molecole in modo indipendente. Ad esempio, i metalli, quando entrano nei forni di fonderia, subiscono questo processo.
  • Sublimazione: L’aggiunta di energia termica a un solido lo trasforma in un gas, senza passare dallo stato liquido. Possiamo osservare questo processo nella coda della cometa, che è formata da CO2 (anidride carbonica) e, avvicinandosi al Sole, aumenta la temperatura di queste rocce, generando un effetto visivo, una scia che conosciamo come coda della cometa.
Articolo correlato  Cos'è il circuito elettrico e a cosa serve

cambiamenti regressivi

  • Condensazione: Sottraendo energia termica, un gas si trasforma in un liquido. Ad esempio, conosciamo questo processo nella nostra vita quotidiana, perché è ciò che consente il sudorazione nelle bevande fredde o l’effetto prodotto dalla nebbia su specchi e vetri.
  • Solidificazione: È un processo esotermico mediante il quale un liquido si trasforma in un solido. Il culmine di questo processo è il punto di congelamento, cioè la temperatura richiesta affinché un liquido si solidifichi. Un esempio di questo processo è il modo in cui viene prodotto il caramello, che richiede una certa temperatura (bassa) in modo che quando si raffredda rimanga allo stato solido.
  • Sublimazione inversa (deposizione): È il processo mediante il quale il gas si trasforma allo stato solido, senza necessariamente passare per lo stato liquido. È lo stesso processo che avviene nelle regioni polari quando il vapore acqueo si trasforma direttamente in ghiaccio, poiché le temperature estremamente rigide gli impediscono di passare allo stato liquido.
  • Liquefazione: In questo processo è necessario sottoporre un elemento gassoso ad un certo livello di pressione e temperatura affinché diventi uno stato liquido. Un esempio di questo processo è il gas naturale compresso o gli accendini che, attraverso il processo di liquefazione, contengono gas liquido per facilitarne il trasporto con adeguate misure di sicurezza.

    Non perdetevi il seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto