Che cos’è un differenziale e a cosa serve?

In questa sezione del nostro blog ProgettoSani ti portiamo informazioni su: Che cos’è un differenziale e a cosa serve?.

In questo articolo vedremo la funzione del differenziale all’interno del trazione automobilistica.

cos’è un differenziale

la differenza è una parte meccanica appartenente alle automobili, situata sull’asse posteriore, ed è coinvolta nei loro processi di trazionepermettendo alle ruote di ruotare a velocità diverse, ad esempio in curva.

A cosa serve un differenziale?

Il differenziale consente alle auto di prendere una velocità, come suggerisce il nome, differenziale, tra le coppie di ruote sugli assi.perché prima, non avendo questa parte, facendo una curva i due assi facevano lo stesso numero di giri, facendo slittare le ruote all’esterno della curva sul percorso che stavano percorrendo, perdendo l’attacco dell’asse all’asfalto.

Con l’implementazione di questa parte, a seconda che l’auto stia girando su uno di questi lati, ecco come agirà il differenziale. Nelle curve a destra, ad esempio, la ruota a destra farà meno giri di quella a sinistra, che è quella all’interno della curva.

Il differenziale si stabilizza controllando le rotazioni fissando il veicolo sull’asfalto sulla strada durante curve e tornanti.

parti differenziali

  1. Carter motore: anche chiamando Caso, È un pezzo centrale che contiene la corona, il pignone e gli ingranaggi chiamati satelliti e pianeti. All’interno sono presenti anche due giunti o feritoie dello sterzo, che si occupano della sospensione e dello sterzo del veicolo sull’asse posteriore. Trattiene inoltre il lubrificante o l’olio necessario per le parti, nonché per i cuscinetti e i semiassi.
  2. Pignone: La sua funzione è quella di sfruttare la rotazione dell’albero di uscita del cambio per trasferirla alla corona, che è solidale al differenziale.
  3. Corona: Porta la rotazione del pignone nella direzione ideale per una corretta rotazione degli assi ruote. È più grande del pignone, quindi la forza di rotazione emessa dalla corona è maggiore e si deposita sulle ruote attraverso i cuscinetti o i semiassi.
  4. cabina satellitare: questa scatola è attaccata alla corona ed è composta da un gruppo di ingranaggi chiamati ingranaggi planetari e satelliti.
  5. Essenziale: È il differenziale stesso, formato dai pignoni satelliti. Di solito sono quattro e sono collegati da ingranaggi ai planetari, due ruote coniche. Gli ingranaggi planetari hanno la funzione di assorbire le velocità di ciascuna ruota durante il movimento di rotazione e al loro interno sono presenti delle scanalature che sono quelle che uniscono i cuscinetti o semialberi.
  6. Cuscinetti: Sono ciò che fissa gli ingranaggi planetari alle ruote e permette la rotazione del differenziale.
  7. bloccaggio del differenziale: Questo sistema è stato creato per situazioni in cui la trazione è difficile, a causa delle condizioni del terreno, della perdita di trazione o della ridotta aderenza. Questo genera valori critici nel sistema, che blocca il differenziale per una migliore trazione e viene spesso utilizzato su sabbia, neve o fango.
  8. Cubo: La sua funzione è quella di collegare o scollegare la trazione integrale da un comando all’interno dell’auto. Quando attivati, i mozzi rilasciano il cardano dall’assale anteriore, che riceve potenza dal ricevitore satellitare.
Articolo correlato  Cos'è la messa a terra e a cosa serve?

Come funziona un differenziale

Gli ingranaggi sono disposti nell’alloggiamento ad “U” sull’albero. Quando l’auto è in linea retta, le ruote seguono lo stesso percorso e il cambio è in folle. Quando il veicolo fa una curva, avviene un cambio di marcia; detto spostamento compensa le velocità di rotazione delle ruote. Il movimento di questi ingranaggi dipenderà dall’energia e dalla direzione ricevuta dal pignone e trasmessa dalla corona.

Tra i due assi, inoltre, si produce un altro differenziale di rotazione, in quanto le guide compiono un cerchio di raggio minore rispetto alle guide quando effettuano curve o svolte.

tipi di spread

  • differenziale autobloccante: È il tipo di differenziale più utilizzato, il suo funzionamento è meccanico, quindi viene sostituito da differenziali di tipo elettronico.
  • Differenziale viscoso: Hanno un involucro che copre i dischi e gli ingranaggi inseriti nel differenziale, posto sull’albero di trasmissione e incorporato nel cambio.
  • Differenziale a slittamento controllato: E’ costituito da frizioni multidisco e lavora insieme ad un gruppo di dischi conduttori azionati da un sistema idraulico. La loro utilità è simile a quella dei differenziali viscosi, ma il loro funzionamento è più simile a quello di una frizione multidisco o accoppiatore.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto