Come funziona una fotocellula

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Come funziona una fotocellula.

Se trascorri molto tempo all’aperto e di solito arrivi al calar della notte, ti interesserà sicuramente avere un dispositivo per accendere la luce esterna non appena fa buio. In fotocellule Sono la tua migliore opzione in questi casi.

Cos’è una fotocellula?

Una fotocellula è un piccolo sensore che identifica i cambiamenti di intensità nella luce ambientale e, da ciò, fa scattare un meccanismo per accendere o spegnere una luce. In genere vengono utilizzati per automatizzare l’illuminazione esterna di una casa o di un’azienda. sono anche chiamati fotocellule o fotocontrollo.

Vantaggi di una fotocellula

Successivamente, menzioneremo i maggiori vantaggi che puoi ottenere installando fotocellule.

  • Comfort: Innanzitutto, ovviamente, è la praticità di questi sensori, in particolare se utilizzati per le luci esterne, poiché si attivano non appena la luce naturale si attenua. Certo, questo ti risparmia il fastidio di pensare di accendere e spegnere quelle luci ogni giorno o, come dicevamo, di tornare a casa e trovare la porta illuminata.
  • Economia: Oltre all’automatizzazione dell’accensione e dello spegnimento delle luci, l’altro vantaggio dell’utilizzo delle fotocellule è il risparmio di energia elettrica e denaro nel pagamento del servizio. Trattandosi di un processo automatico che si accende e si spegne al variare della luce solare, ci impedisce di dimenticarci della luce accesa e di continuare a spendere inutilmente. L’economia è tale che l’illuminazione pubblica utilizza questo metodo.
  • Maggiore sicurezza: Lavorando principalmente sull’illuminazione esterna, ovvero sulle porte delle abitazioni, le fotocellule ci danno la sicurezza che, da un lato, troveremo quella zona illuminata se rientriamo di notte e, dall’altro, che possiamo assentarci per diversi giorni senza essere notato, che la casa è vuota.
  • Facilità di installazione e prezzo contenuto: Oltre a quanto detto, questi sensori sono molto economici e la loro installazione è molto semplice, motivo per cui rendono le fotocellule le migliori alleate per la tua casa o attività privata.
Articolo correlato  Che cos'è una resistenza elettrica e a cosa serve?

tipi di fotocellule

Esistono tre principali tecniche di fabbricazione e materiali che consentono di identificare così tanti tipi di fotocellule.

celle di silicio amorfo

Queste sono celle grigio scuro e sono utilizzate da meridiane e calcolatrici. Funzionano perché il silicio si trasforma e rilascia un gas che viene proiettato su un vetrino.

Sono state le prime fotocellule create, in quanto utilizzavano gli stessi metodi utilizzati nella produzione dei diodi. Un altro vantaggio è che sono più economici rispetto alle diverse tecnologie, possono essere fissati su supporti rigidi/flessibili e lavorare in condizioni di scarsa luce diffusa (ideale per le giornate nuvolose). Sebbene, hanno un rendimento basso che, nel tempo, continua a diminuire.

cella in silicio monocristallino

In questo caso il silicio fuso si raffredda e solidificandosi forma un cristallo che viene poi tagliato in sottili lamelle che costituiscono le fotocellule, che acquisiscono un colore blu. Tra i suoi vantaggi troviamo prestazioni molto più elevate (poco più del doppio delle precedenti), un maggior numero di produttori e un buon rapporto tra potenza e superficie che consente di risparmiare spazio. Lo svantaggio è il prezzo molto più alto.

Come funziona una fotocellula

celle in silicio policristallino

Queste fotocellule funzionano grazie al silicio multicristallino, che viene raffreddato in uno stampo dove si formano i cristalli. Acquistano anche un colore bluastro, ma meno uniforme dei precedenti, in quanto si notano le diverse tonalità dei cristalli.

Come vantaggi, possiamo menzionare che i lingotti sono più economici da produrre e forniscono celle quadrate che migliorano il funzionamento in moduli. Le prestazioni sono simili a quelle sopra menzionate, ma in condizioni di scarsa luminosità calano.

cella tandem

Sono due singole celle (possono essere di materiali diversi: silicio amorfo su silicio cristallino, per esempio) che sono impilate monoliticamente. Ciò aumenta le sue prestazioni quando si utilizzano singole celle separate, offrendoci un’elevata sensibilità su un’ampia gamma di lunghezze d’onda. Il suo svantaggio è l’alto costo che comporta la sovrapposizione di due celle.

Articolo correlato  Come funziona un interruttore magnetotermico e a cosa serve

cella multigiunzione

Si tratta di un tipo di cellula molto particolare sviluppato appositamente per Applicazioni spaziali, Quindi hanno un’efficienza molto elevata. Queste cellule sono composte da diversi strati sottili tenuti insieme dall’epitassia del raggio molecolare.

Un’altra classificazione delle fotocellule può essere in base all’ordine di importanza e rilevanza che hanno avuto nel corso della storia. In questo caso si dividono in prima, seconda e terza generazione.

Prima generazione

Riguarda le cellule ampia superficie, alta qualità e facile da unire. La loro tecnologia non consente più la riduzione dei costi di produzione e i dispositivi che li trasportano stanno raggiungendo la fine della loro efficacia.

Seconda generazione

I materiali di questa generazione sono stati sviluppati per migliorare il costo e la manutenzione delle celle solari. Inoltre, le sue tecniche di produzione riducono significativamente la temperatura di processo, aumentando i vantaggi come una maggiore efficienza di conversione e minori costi di produzione. Sebbene i produttori abbiano un debole per le tecnologie di seconda generazione, sono molto difficili da commercializzare.

Terza generazione

Si tratta di quelle celle solari che consentono maggiori efficienze teoriche di conversione elettrica, con costi di produzione molto contenuti grazie all’utilizzo di fotocellule multigiunzione.

Come si installano le fotocellule?

Le fotocellule sono molto semplici da installare e possono essere realizzate da chiunque segua questi passaggi:

  1. Fissare la fotocellula alla parete o al palo luminoso con tasselli o viti a seconda della superficie.
  2. Seguire lo schema di collegamento per il cablaggio.
  3. Verificare il corretto funzionamento e l’accensione della lampada. Per questo dobbiamo coprire la fotocellula con un panno scuro per un minuto.

Ti consigliamo inoltre di scegliere di posizionarli in un luogo alto, dove la luce del sole cade direttamente sulla fotocellula, senza troppa ombra o luce artificiale costante. È inoltre conveniente che i cavi ei sensori siano rivolti verso l’alto per impedire l’ingresso di umidità o acqua e che la loro installazione sia lontana dalla portata dell’apparecchio controllato.

    Articolo correlato  Quali sono i tipi di rivetti e a cosa servono?

    Trova ulteriori informazioni in questo video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto