Cos’è la reazione di sostituzione e a cosa serve

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Cos’è la reazione di sostituzione e a cosa serve.

Una reazione è un processo chimico in cui Le sostanze subiscono un cambiamento nella loro struttura per darne origine ad altre. Il caso più comune e semplice si verifica tra sostanze liquide o gassose, o in soluzione; questo perché essendo più separati permette un maggiore contatto tra i corpi reattivi.

Ci sono, ovviamente, diversi tipi di reazioni. In caso di reazione di sostituzioneÈ una specie di reazione in cui un atomo o un gruppo di un composto chimico viene sostituito da un altro atomo o gruppo. Ciò significa che, per reazione, un elemento ne sostituisce un altro nel composto; ecco perché queste reazioni possono anche essere chiamate “spostamento”.

Quando si parla di gruppo, o meglio di gruppo entrante, si fa riferimento all’insieme degli atomi che entrano nel substrato, cioè la molecola in cui avviene la sostituzione. Gli atomi espulsi, invece, sono chiamati gruppo uscente. Viene chiamato il risultato della reazione di sostituzione “prodotti”.

Tipi di reazioni di sostituzione

Possiamo distinguere due tipi di queste reazioni: sostituzione singola e doppia sostituzione. Diamo un’occhiata a ciascuno:

  • Sostituzione semplice: Questa reazione si verifica quando una sostanza semplice entra in contatto con un composto e sostituisce uno dei suoi elementi.
  • doppia sostituzione: conosciuto anche come metatesi, avviene tra due diversi composti, che finiscono per formare una nuova sostanza. In questi casi intervengono solitamente composti ionici in soluzione, per i quali avviene uno scambio di cationi e anioni.

Inoltre, reazioni di sostituzione singola o doppia Possono essere raggruppati secondo il loro meccanismo in nucleofili monomolecolari o bimolecolari.

  • Sostituzione nucleofila monomolecolare: Questo è quando la reazione avviene in fasi in cui i composti vengono prima dissociati in ioni e poi questi ioni reagiscono tra loro.
  • Sostituzione nucleofila bimolecolare: la reazione avviene tutta in una volta: l’attacco del reagente e l’espulsione del gruppo uscente avvengono contemporaneamente.
Articolo correlato  Cos'è l'efficienza e a cosa serve

Fasi della reazione di sostituzione

Ci sono 4 fasi in cui è suddivisa la reazione di sostituzione:

  1. Substrato: Questo è il nome dato alla molecola in cui viene effettuata la sostituzione.
  2. Reagente o gruppo di input: questo è il nome dato all’atomo o al gruppo di atomi che attaccano il substrato.
  3. gruppo di uscita: È quello che viene chiamato l’atomo o il gruppo di atomi espulsi dal substrato.
  4. Prodotti: Questo è il nome dato al risultato della sostituzione del gruppo uscente con il nucleofilo, nel qual caso si parla di sostituzione nucleofila.

esempi

Un classico esempio di reazione di sostituzione avviene quando il rame viene immerso nel nitrato d’argento: il rame espelle gli atomi d’argento, dando origine ad un nuovo composto: il nitrato di rame. Si può citare anche la sostituzione del bromo con il cloro, che può essere espressa dalla seguente formula: Cl2 + NaBr -> NaCl + Br2

Cos'è la reazione di sostituzione e a cosa serve

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto