Cosa sono i metalli preziosi e cosa sono

In questa sezione del nostro blog ProgettoSani ti portiamo informazioni su: Cosa sono i metalli preziosi e cosa sono.

In questo articolo vedremo il diverso tipi di metalli preziosicosì come le loro caratteristiche e usi.

Perché sono considerati metalli preziosi?

I metalli preziosi sono quelli che Si trovano liberi in natura, senza essere combinati con altri elementi per formare composti. Sono scarsi e di grande valore in tutto il mondo.

sono anche metalli poca reattività, che li rende stabili per l’uso in diversi settori. Poiché possono essere combinati con altri elementi per acquisire proprietà migliori in termini di durabilità o resistenza, vengono spesso utilizzate le loro leghe.

elenco dei metalli preziosi

Questi sono i dieci metalli preziosi più preziosi a livello globale:

  • Indiano: Questo metallo è di scarsa abbondanza, malleabile, facilmente fuso. Viene utilizzato sotto forma di ossido nei sistemi touch screen, nella fabbricazione di leghe, per la creazione di fotoconduttori e transistor, nonché in medicina nucleare come isotopo per il trattamento del cancro alla prostata.
  • Argento: È un nobile metallo di transizione, il suo colore è bianco brillante, è duttile e malleabile. Esiste in natura in composti minerali come i solfuri e anche nell’argento libero. Si ottiene principalmente trattando le miniere di rame, zinco, piombo e oro, in quanto si ricava dalla crosta terrestre. Le sue applicazioni variano notevolmente: può essere utilizzato nella fabbricazione di armi da taglio, in gioielleria, in fotografia per la sua fotosensibilità, in medicina nel trattamento delle verruche, nei motori elettrici, così come nell’elettronica per le sue proprietà conduttive. Viene utilizzato anche in leghe per parti dentali, come catalizzatori per reazioni chimiche e in leghe per uso industriale.
  • renio: Questo metallo di transizione è di colore bianco, simile all’argento, solido, resistente alla corrosione e refrattario. Le sue proprietà chimiche sono simili a quelle del manganese. Viene utilizzato principalmente in gioielleria, per costruire filamenti utilizzati negli spettrofotometri di massa e come catalizzatore nell’industria chimica.
Articolo correlato  Come funzionano le pompe termobariche

  • Palladio: È un metallo di transizione del gruppo del platino, è bianco, duttile e malleabile. Poiché appartiene al gruppo del platino, ha proprietà simili a questa, ed è anche estratto dallo stesso tipo di miniere per questo metallo. I suoi usi principali sono in gioielleria, convertitori catalitici, orologi, strisce reattive per il glucosio e nella produzione di parti elettriche e strumentazione chirurgica.
  • Osmio: Questo metallo è bianco grigiastro, solido e fragile. Viene utilizzato nelle leghe insieme all’iridio e al platino, anche nella sintesi organica e nella colorazione dei tessuti biologici.
  • Iridio: È un metallo di transizione bianco-argento duro, fragile, pesante. È un elemento altamente resistente alla corrosione, fatto che lo rende parte di leghe soggette a questo tipo di usura. Viene anche utilizzato nella fisica delle particelle per produrre antiprotoni.
  • Rutenio: Come il palladio, questo metallo appartiene al gruppo del platino. È un materiale di transizione, di scarsa abbondanza. Il rutenio viene utilizzato per indurire palladio e platino, formando leghe utilizzate nell’elettricità con elevata resistenza all’usura. Forma anche leghe con il titanio, utilizzato per aumentare la resistenza alla corrosione. Inoltre, viene utilizzato come catalizzatore in diversi processi ed è stato recentemente scoperto che i composti organometallici di questo metallo hanno attività antitumorale.
  • Pregò: Si trova nella tavola periodica nel gruppo dei metalli di transizione. Il suo colore è giallo, è pesante, lucente, duttile e malleabile. Non reagisce con la maggior parte delle sostanze chimiche, con poche eccezioni come cianuro, mercurio e cloro. Nel suo stato naturale esiste sotto forma di pepite. Le sue principali applicazioni sono in gioielleria (70%), ma viene utilizzato anche nel mercato finanziario come riserve e investimenti. È utilizzato in misura molto minore all’interno del settore.
  • Platino: È un metallo di transizione bianco-grigiastro. È pesante, malleabile e duttile, resiste alla corrosione e si trova naturalmente nei minerali, spesso insieme ad altri metalli come rame e nichel. Le sue principali applicazioni sono in gioielleria, per la sua purezza; come catalizzatore veicolare, in quanto converte i gas di combustione in emissioni meno inquinanti; e nell’elettricità e nell’elettronica, nella composizione di hard disk e cavi in ​​fibra ottica. Viene anche applicato in fertilizzanti, esplosivi e additivi per carburanti.
  • Rodio: Questo metallo di transizione non è molto abbondante in natura e si trova generalmente nelle miniere di platino. È un metallo duttile, di colore bianco argenteo. Viene utilizzato insieme al platino nelle leghe, entrambe utilizzate come catalizzatori nei combustibili. Viene anche usato insieme all’oro per realizzare gioielli in oro bianco.
    Articolo correlato  Cosa sono i processi industriali e a cosa serve

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto