Cosa sono le leggi di Newton

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Cosa sono le leggi di Newton.

In questo articolo vedremo a grandi linee i postulati di leggi di newton, elemento nella fisica classica e nello sviluppo della fisica moderna e contemporanea.

Cosa sono le leggi di newton

Queste leggi, note anche come Le leggi del moto di Newton costituiscono tre principi e postulati attraverso i quali viene offerta una spiegazione per i problemi connessi con il meccanica classica, soprattutto quelli di movimento dei corpi.

Attraverso queste leggi si potrebbero sviluppare aree legate alla fisica, alla dinamica e alla meccanica.

Cosa sono le leggi di newton

Questi sono i postulati delle leggi del moto di Newton:

1. Legge di inerzia (prima legge)

Un corpo non cambia il suo stato iniziale in termini di moto o quiete a meno che non sia applicata una o una serie di forze il cui vettore risultante non sia nullo. In questo modo gli elementi in movimento ricevono una forza di attrito o inerzia costante che ne riduce gradualmente il movimento.

2. Legge fondamentale della dinamica (seconda legge)

Il cambiamento di moto di un corpo è direttamente proporzionale alla forza motrice che su di esso viene esercitata, ed avviene secondo la retta lungo la quale detta forza è impressa. In questo modo la forza è intesa come il risultato tra la variazione di movimento e la proporzionalità tra la forza che viene imposta, che determinerà la variazione di velocità nel corpo ad essa sottoposto.

3. Principio di azione e reazione (terza legge)

Ogni azione che si verifica comporta una reazione di grandezza uguale e grandezza opposta. In questo modo le azioni tra due corpi saranno uguali e dirette in senso opposto.

Articolo correlato  Cos'è l'energia eolica e a cosa serve?

Cosa sono le leggi di Newton

Esempi di leggi di Newton

In questa sezione vedremo i casi in cui una delle leggi di Newton è soddisfatta:

  • Quando saltiamo, spingiamo la terra verso il basso. Non si muove a causa della sua grande massa, ma ci spinge verso l’alto con la stessa intensità (terza legge).
  • Quando si lascia cadere un oggetto da un’altezza maggiore del suolo, l’energia potenziale dell’oggetto diventerà cinetica durante la caduta, ritornando all’energia potenziale durante la caduta e rimanendo immobile a causa dell’attrito dell’aria (seconda legge).
  • Se due persone si scontrano, entrambe si muoveranno all’indietro, ma nella direzione opposta (terza legge).
  • Una palla legata a una corda girerà in cerchio a causa della forza centripeta, ma se la corda viene tagliata o rotta, la palla andrà in linea retta dal punto in cui la corda è stata tagliata (prima legge).

origine e storia

Queste leggi furono formulate nel 1687 da Isaac Newton.che ha sviluppato matematicamente i suoi postulati nel suo libro Philosophiae Naturalis Principia Matematica. accanto al Le leggi di trasformazione di Galileo, Queste leggi fondarono la meccanica classica, nonostante il fatto che attualmente queste leggi si applichino a certi tipi di corpi e masse.

Nel terzo volume del suo libro, Newton dimostrò che queste leggi, combinate con le Legge universale di gravitazione, potrebbe dedurre e spiegare il Le leggi di Keplero sul moto planetario.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto