Come funzionano i circuiti paralleli

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Come funzionano i circuiti paralleli.

Un circuito parallelo è una sequenza di dispositivi elettrici che, collocati in un certo modo, sono collegati allo stesso nodo e alla batteria, ovvero alla fonte di energia che lo alimenta. Precisamente, si chiama parallelo perché ha due o più percorsi attraverso i quali l’energia scorre attraverso il circuito.

Attualmente il circuito parallelo è presente nel reti elettriche domestiche, in modo che le cariche elettriche abbiano la stessa tensione. Un altro motivo per cui vengono utilizzati per questo tipo di connessione è che, in caso di rottura o alterazione, gli elementi di un circuito possono essere disposti in parallelo senza influenzarsi a vicenda.

Caratteristiche di un circuito parallelo

  • La tensione è la stessa su tutti i componenti del circuito parallelo, cioè la tensione presente in un ramo del circuito è presente in tutti i rami del circuito.
  • La resistenza totale è inferiore alle singole resistenze nel circuito.
  • Si compone di rami: È così che si conosce ciascuno dei percorsi presi dall’energia del circuito.
  • Quando più elementi o resistori vengono aggiunti al circuitola tua corrente non è influenzata.

Come funziona un circuito parallelo?

Nel caso di un circuito in parallelo, ad esempio, l’energia elettrica viene trasportata nei suoi due rami. Mentre la potenza diminuisce un po’ durante questo trasporto, l’elettricità rimane costante in tutto il circuito.

Quando un ramo del circuito viene interrotto, ad esempio da una lampadina rotta, l’altro ramo del circuito continua a funzionare normalmente.

Tre regole del circuito parallelo

Poiché tutti i componenti sono collegati tra loro, vengono seguite tre regole importanti per i circuiti paralleli:

  1. La corrente totale in un circuito parallelo è uguale alla somma di tutte le singole correnti.
  2. I componenti dello stesso circuito parallelo condividono la stessa tensione.
  3. La resistenza totale di un circuito parallelo è inferiore a qualsiasi delle singole resistenze che lo compongono.
Articolo correlato  Che cos'è un riscaldatore e a cosa serve?

Vantaggi dei circuiti elettrici in parallelo

I circuiti paralleli hanno alcuni vantaggi che semplificano la nostra vita quotidiana, ad esempio, essendo parte del cablaggio elettrico che alimenta le nostre case.

  • I componenti di un circuito parallelo sono indipendenti. Ad esempio, nel caso di una linea elettrica domestica, è possibile accendere un dispositivo utilizzando il proprio interruttore senza accendere gli altri. Allo stesso modo, in caso di guasto di un componente del circuito, il funzionamento degli altri non ne risentirà.
  • Garanzia circuiti paralleli la stessa tensione su tutti i componenti lo stesso.
  • Il design di un circuito parallelo è semplice, sicuro e affidabile per i diversi usi che ha.
  • circuiti paralleli consentono di aggiungere diversi componenti allo stesso circuito senza modificare la tensione.

Esempi di circuiti paralleli

Alcuni esempi di circuiti paralleli sono:

Come funzionano i circuiti paralleli
  • Porta logica OR.
  • hardware di computer desktop e portatili.
  • riserve energetiche in diversi settori, come l’industria automobilistica, tra gli altri.
  • luci di Natale (prima erano realizzati con circuiti in serie, ma con l’integrazione dei circuiti in parallelo sono diventati circuiti più sicuri, più affidabili e durevoli).
  • luci dell’auto: In questo caso, i circuiti in parallelo permettono alle luci di essere sicure, poiché se uno dei circuiti è danneggiato in una delle luci, l’altro può continuare a funzionare in modo indipendente.
  • reti di elettrica domestica.
  • reti di energia elettrica dalle aree urbane (città e paesi).
  • Elettrodomestici.

    Altre informazioni nel seguente video:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto