Come funziona un elettromagnete e a cosa serve

Nel nostro post del blog www.progettosani.it vediamo: Come funziona un elettromagnete e a cosa serve.

UN elettromagnete Utilizza il principio del magnetismo, cioè è un pezzo in grado di attrarre altri magneti o determinati metalli all’interno del suo campo magnetico.

È la combinazione di a magnetico e un collegamento elettrico, in quanto viene attivato e disattivato da esso; Ricordiamo che il magnetismo è una distorsione nell’aria che genera forze sui diversi corpi che la attraversano.

Cos’è un elettromagnete?

Come suggerisce il nome, a elettromagnete è un magnete, dove il campo magnetico è generato dalla corrente elettrica, e la corrente che passa attraverso un filo crea a campo magnetico intorno ad esso.

UN elettromagnete cerca di aumentare il campo magnetico generando corrente che passa attraverso un filo facendo passare corrente attraverso più fili, oppure attraverso uno solo sotto forma di spirale (esempio: una bobina).

Come funziona un elettromagnete?

Il campo magnetico generato da un filo attraverso il quale passa la corrente può essere potenziato avendo il filo a forma di spirale, aumentando il percorso della corrente e di conseguenza potenziando il campo magnetico. Questo è ciò che è noto come elettromagnete.

D’altra parte, per il campo magnetico Se lo si desidera, il filo viene avvolto attorno a un materiale magneticamente conduttore in modo che questo campo prenda la direzione di quel materiale, come si può vedere nell’immagine.

Vantaggi dell’elettromagnete rispetto ad altri magneti

Capacità di avere un campo magnetico variabile – Questo è possibile perché se si fa passare una corrente alternata attraverso la spirale, quando la corrente ha una direzione, si genererà un campo magnetico in una direzione e viceversa quando la corrente cambia direzione.

Come funziona un elettromagnete e a cosa serve
Articolo correlato  Che cos'è una bobina e a cosa serve?

Possibilità di connettersi e disconnettersi a seconda delle necessità – Non è che funzioni sempre (parte magnetizzata), ma quando la corrente smette di passare attraverso la spirale, il magnete smette di funzionare.

Usi e applicazioni dell’elettromagnete

A causa del vantaggio che questo magnete ha rispetto ad altri, viene spesso utilizzato quando è richiesto un campo magnetico variabile o momentaneo:

  • gru per rottami – Le gru possono sollevare le auto, spostarle da un lato all’altro e abbassarle quando necessario. Grandi carichi di peso e presa eccellente senza problemi.
  • elettromagnete per il trasporto – I treni a levitazione magnetica utilizzano elettromagneti per spostarli a velocità di centinaia di chilometri all’ora.
  • Elettromagnete in Medicina – IL risonanza magnetica funziona grazie a grandi elettromagneti che magnetizzano gli atomi del corpo e quindi possono ottenere informazioni dall’interno del corpo senza bisogno di radiazioni o interventi chirurgici.
  • elettromagnete di sicurezza – Le porte in molti luoghi (ad esempio edifici) non hanno più una serratura, ma hanno 2 pezzi uniti da un elettromagnete; quando si utilizza la chiave elettronica, questa viene per un attimo disinserita provocando il ‘stacco’ della porta dal telaio.

Come realizzare un potente elettromagnete a casa

correre un elettromagnete È molto semplice. Hai solo bisogno di un filo, un materiale cilindrico e metallico (può essere una vite) dove avvolgerai il filo e una batteria o cella, per far passare la corrente attraverso il filo. Colleghi il cavo alla batteria e il gioco è fatto.

Trova ulteriori informazioni in questo video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto