Come funziona un avvitatore ad impatto e a cosa serve

Ciao, benvenuto nel nostro blog, nell’articolo di oggi vediamo: Come funziona un avvitatore ad impatto e a cosa serve.

UN driver di impatto è più di un comune cacciavite, perché con l’ausilio di una forza d’urto può allentare viti molto stretteoltre a dare l’ultimo giro nel caso tu abbia bisogno di avvitare qualcosa di duro.

Che cos’è un driver di impatto?

Il cacciavite è uno strumento utilissimo per tutti i tipi di utilizzo, da quello domestico a quello industriale. Si compone di diverse parti: La manciache è la punta che viene inserita nella vite per esercitare forza; la verga, qual è la parte che unisce la punta al manico; Y la maniglia della porta, che fornisce la zona di presa. Questa impugnatura è progettata per sopportare i colpi di un martello e convertire quella forza ed energia in colpi di scena per avvitare o svitare con più forza di un cacciavite standard.

Esistono cacciaviti di diverse dimensioni e con diverse teste, in modo da potersi adattare a diversi tipi di viti. In alcuni la testa è intercambiabile, mentre in altri asta e cimino fanno parte dello stesso pezzo e, quindi, hanno la testa fissa.

A cosa serve un avvitatore ad impatto?

L’avvitatore ad impulsi viene utilizzato sia per il serraggio che per l’allentamentoanche se la sua funzione principale è quella di allentare viti la cui estrazione è complessa, o perché troppo strette o perché sono state esposte a contesti che le hanno deformate o ossidate.

D’altra parte, un’altra funzione elementare di questo strumento è riuscire a stringere la vite fino all’ultimo girogarantendone così la stabilità. Nonostante sia uno strumento più costoso di un comune avvitatore, la spesa si ripaga molto velocemente in termini di fatica, denaro e tempo.

Articolo correlato  Tipi e caratteristiche dei cacciaviti

Come funziona un avvitatore ad impatto?

La modalità di funzionamento di questo tipo di cacciavite trova la sua base nel principio che converte l’energia prodotta da un impatto in energia rotazionale.

Il cacciavite viene fissato alla vite e quindi viene selezionata la funzione: regolare o allentare la vite in questione. Lo strumento viene quindi tenuto e l’estremità libera del cacciavite viene colpita con il martello. In questo modo l’impatto provocato dal colpo di martello, come spiegato in precedenza, viene convertito in energia rotazionale, che viene resa disponibile per regolare o allentare la vite.

Come funziona un avvitatore ad impatto e a cosa serve

Per implementarlo in tutti i tipi di disposizioni, sono incluse teste intercambiabili, a seconda del tipo di vite utilizzata.

Guarda il seguente video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top